Stai in contatto

NapoliCapitale

Sindaco Manfredi, lascia stare i panni “spasi” e occupati dei problemi veri di Napoli

Pubblicato

il

In questi giorni si discute a Napoli dell’ipotesi di vietare la possibilità di stendere i panni al sole, contenuta in un regolamento che venerdì prossimo sarà vagliato dal consiglio comunale. Un’ipotesi che ci lascia increduli.

I panni lasciati asciugare nei vicoli, sui balconi, da un capo all’altro dei palazzi, sono poesia. Sogni antichi stesi al sole sotto un cielo azzurro. Rappresentano più di un sano sistema di sciorinatura: sono un modo per lasciare una porta aperta alla leggerezza dei pensieri, un volo di idee e un’esposizione di luce e colore, per non lasciarsi annientare dalle tristezze e dai malumori.

Messaggi alle nubi o alle stelle, fazzoletti colorati di fogge diverse, lasciati sventolare all’aria, come a salutare la volta stellata o chi è già volato lassù, o a mandare un pensiero a chi è lontano, o a chi sta passando lì sotto, quasi un bacio dal suono di garrito di quelle bandiere, da trasmettere a tutto il mondo, quello sotto casa come quello lontano, in segno di pace e di benvenuto.

Speranze che spesso divengono certezze in una quotidianità che si continua a rinnovare, mai stanca, mai arrendevole … sempre sul punto di morire, ma sempre pronta a rinascere …

Questa è Napoli, la sua Bellezza!

E non si tratta di folklore, ma di cuore, anima, tradizione, passione. Insomma, di quel linguaggio fatto di segni, di simboli, di gesti, di usanze, che può comprendere solo chi conosca il significato del verbo “amare”, e ne comprenda tutte le declinazioni.

Trovare motivo di scandalo per il bucato steso ad asciugare ai balconi equivale a tarpare le ali ai sogni, zittire i pensieri, atrofizzare i colori dell’esistenza, a fronte di ben più annichilenti usanze, come sparare i petardi e le batterie pirotecniche alle ore più delicate, magari per lanciare messaggi e festeggiare, strafottendosene per il rispetto della quiete e del sistema nervoso degli altri.

Perché cercare ragioni per essere derisi e criticati per il gusto di voler far guerra a un’usanza antica e innocua, quando Napoli avrebbe bisogno di soluzione a problemi ben più serie ed urgenti, come la crescente recrudescenza della criminalità tra la gente?

Le priorità sono altre, Sindaco.

Lasci in pace i sogni, e si occupi di cancellare gli incubi.

È questa l’esigenza più urgente per una città in ultima posizione in fatto di vivibilità!

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.