Stai in contatto

NapoliCapitale

Svolta Cimitero degli Inglesi: il parco torna a splendere dopo anni di abbandono

Pubblicato

il

Immerso in quel grigio reticolo di basoli vesuviani e muri screpolati sorto su di un bacino giaioso e insalubre oggi conosciuto come Arenaccia, mi ritrovo a costeggiare il muro di cinta del Cimitero degli Inglesi in direzione Santa Maria della Fede, percorrendo quella via Miraglia aperta di recente dopo 20 anni di abbandono. Gli echi di una piazza ritrovata rappresentano un richiamo irresistibile per chi è cresciuto a ridosso (e all’interno) del Cimitero Acattolico di Santa Maria della Fede, uno scrigno dal valore inestimabile incastonato in una delle aree più popolari e urbanizzate d’Europa.

Certo il muro perimetrale non promette nulla di buono: in una città che sembra trascinarsi da millenni senza mai mutare, i blocchi di tufo ammonticchiati l’uno sull’altro e ancora rappezzati da un’antica mano di malta fanno da contraltare alle edicole votive e all’abusivismo imperante disseminato sulla sponda abitata di via Miraglia.

Via Miraglia

Percorrendo le mura di cinta giungo in breve tempo al cancello laterale dell’antico parco. Fino a qualche tempo fa affacciarsi attraverso le grate arruginite che davano sul Cimitero degli Inglesi significava fare i conti con l’immagine di perenne abbandono che pervade Napoli: suppellettili ammassati alla rinfusa, erbaccia alta oltre il metro a celare i mausolei antichi. Un’immagine indegna, con i volti pallidi di Mary Somerville e di Anton van Pitloo a svettare come spettri in una selva di rovi.

All’interno scorgo donne e uomini a lavoro, aiuole curate, sepolcri liberi dalle erbacce. Il parco come lo ricordavo da ragazzo. Un brivido mi corre lungo la schiena. Il cancello socchiuso solletica la mia curiosità: cercava qualcuno? – domanda una donna a lavoro su un’aiuola. Chiunque abbia delle risposte.

Il Cimitero degli Inglesi ritrovato

Di lì a poco si avvicina Nicola Grassia, presidente del Gruppo Autonomo Bros, cooperativa di 400 disoccupati a cui la Regione Campania ha affidato la gestione dei parchi pubblici abbandonati. “Il Cimitero degli Inglesi riaprirà entro un paio mesi per non chiudere mai più, almeno fino a quando ci saremo noi”. Negli occhi di Nicola vedo riflessa la mia stessa emozione e la mia stessa rabbia, quella di chi crede nel riscatto del territorio in cui è nato e cresciuto, di chi si sporca le mani senza mai arrendersi alle degradanti privazioni strutturali in cui ristagna Napolest.

“Abbiamo ripulito tutto il parco – continua Nicola Grassia – il giardino era un tappeto di spazzatura: materassi, cucine, decoder. Alcuni residenti usavano il Cimitero Monumentale di Santa Maria della Fede come una discarica privata. Ora però è tutto finito: la riapertura del parco servirà come riscatto sociale per tutto il territorio, ne sono convinto. Dobbiamo ringraziare la Regione Campania che ha fortemente creduto in noi e in questo progetto di recupero dei parchi urbani”.

Nicola è dell’Arenaccia, “siamo in buone mani” penso mentre lo ringrazio a nome di tutta la città. È stata riqualificata la palazzina pericolante all’ingresso del parco, è stata finanche pedonalizzata piazza Santa Maria della Fede, irriconoscibile senza quel groviglio informe di auto multicolor. Tempo un paio di mesi e il cimitero riaprirà i suoi battenti. Un altro polmone verde restituito alla città, uno dei pochi che svettano dalla giungla di cemento di Napolest.

La palazzina pericolante riqualificata

Una nuova speranza per i parchi abbandonati di Napoli

Dopo 22 anni di vertenze i disoccupati del Gruppo Autonomo Bros ritrovano finalmente un lavoro grazie al bando emesso dalla Regione Campania e finanziato con 15 milioni di euro dei fondi Poc 2014/2020. L’iter prevede il reinserimento nel mondo del lavoro dei 400 precari confluiti nel Gruppo Bros e vede coinvolti il Ministero del Lavoro, la Regione e il Comune di Napoli, che ha concesso le chiavi dei parchi abbandonati della città.

Antonio Corradini

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.