Stai in contatto

NapoliCapitale

La rivoluzione del Panno Spaso

Pubblicato

il


Da anni in tanti, in maniera silenziosa o meno, lavorano per scardinare quei luoghi comuni che ci identificano solitamente nel resto d’ Italia e nel mondo: pizza, sole, mare, mandolino.

L’elenco è chilometrico: potrei aggiungere anche tutta quella serie di suoni ‘ onomatopeici’ – tipo uè uè – e gestualità tipiche della nostra identità e del linguaggio napoletano.


Ma il napoletano di questo se lo lascia scivolate perché, sappiatelo se si deve martellare sui cosiddetti, lo sa fare benissimo fa solo, sputandosi addosso per quella sorta di odio amore che lo contraddistingue.


Ma ci provasse qualcuno a toccare qualcuna delle caratteristiche che ci identificano …beh! altro che 4 giornate!


L’ ultima sarebbe l’indiscrezione (poi stralciata dal regolamento decoro e, più tardi, addirittura rinnegata dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi) che vorrebbe ridisegnare il decoro urbano della città cominciando ad eliminare tutte le ” colate’ di panni dai balconi .

Non voglia mai che qualche turista potrebbe trovarsi a pensare che a Napoli piove Coccolino e sapone di Marsiglia.


Ma la levata di scudi è sacrosanta: a Napoli i panni spasi ” sono quel cordone ombelicale che unisce finestre e balconi, sono il filo del telefono immaginario attraverso il quale la comare Titina e la signora Pina tra un mantesino steso e una tovaglia piegata, inciuciano, si raccontano, narrano la vita.

A Napoli, i panni stesi rappresentano la leggerezza di un profumo di pulito affidato al vento che soffia dal mare, raccontano la famiglia, la vita “arrepezzata” tra i vicoli e i quartieri, l’ arte di arrangiarsi.

Se alzi la testa e vedi i panni stesi, puoi esattamente immaginare chi, come e cosa vive quella famiglia: i calzini del calcetto, l’accappatoio consumato ma che ancora fa il suo dovere, la mantellina di lana della nonna.


Mo’ nun è per i panni, ma perché ci volete spoetizzare pure questo? Rubarci la fantasia di entrare ed uscire in punta di piedi dalla vita della gente? In fondo che fastidio danno?

Anche il turista più impettito non resisterà alla magia. Il fastidio e il disagio sono ben altri: quello che si vive ogni giorno, dalle carenze croniche di un trasporto pubblico azzoppato, alla mancanza di certezze e di fiducia nel futuro, alle strade di cartapesta polverose e maleodoranti.

Ma allora perché la levata di scudi per i panni? Non servirebbe protestare anche per rendere la città vivibile?

Implicitamente anche questo è un segnale : la città dorme, come il suo vulcano ma è vigile, attenta. E dosa le energie in attesa della prossima” rivoluzione”.

Monica Capezzuto

Ph Fabrizio Reale

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.