Stai in contatto

NapoliCapitale

Dieci suggerimenti non richiesti al sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi

Pubblicato

il

Si chiude finalmente l’era De Magistris. Si insedia oggi il nuovo primo cittadino. Tra il serio e il faceto dieci temi di cui occuparsi che, come collettivo di Sul Sud, suggeriamo al neo-sindaco.

No ai rifiuti di Roma

Non prendere i rifiuti di Roma. Di nessun tipo.

Lungomare e Linea 6 della Metro

Preoccuparsi di completare la linea 6 della Metro, che risolverebbe anche la diatriba sul lungomare. Senza promettere di diventare il Giappone

Scuole aperte con la pioggia

Evitare di chiudere le scuole ogni volta che scatta l’allerta meteo, chiedendo magari alla protezione civile di licenziare i meteorologi, dato che non ne azzeccano quasi mai una.

Cittadinanze e toponomastica

Evitare di cambiare continuamente la toponomastica della città perché negli ultimi anni i postini non sanno più dove sbattere la testa. E comunque mettere gente seria in commissione per intitolare strade a chi ha fatto grande Napoli, depennando i nomi di chi ha mortificato il Sud. Evitare inoltre cittadinanze onorarie come se non ci fosse un domani.

Lavorare

Ricordarsi che i Manfredi e la ricotta stanno bene insieme solo in cucina. Il sindaco di Napoli deve lavorare più degli altri per riparare ai disastri del passato.

Verde pubblico

Costi, malavita e teste di cazzo sono le uniche cose che possono essere abbattute. Gli alberi lasciamoli campare quieti. Dunque togliere, ad esempio, dal Virgiliano i resti dei pini rasi al suolo e ripiantarne subito dei nuovi, prima che qualche titolare di baretto li trasformi in geniali tavolini con cui fare pariare i cultori del “succede solo a Napoli”.

Restituzione dei marciapiedi al pubblico

Ripristinare per i pedoni – eliminando almeno 10mila tavolini – la possibilità di camminare per i marciapiedi di Chiaia e del Centro storico dopo le 18 senza il rischio di sciuliare sui resti delle pizze fritte.

Rapporti con gli intellettuali

Ignorare le raccolte firme quotidiani degli “intellettuali ” napoletani (che devono avere una chat whatsapp dal titolo: cosa firmiamo oggi)? Piuttosto pensare di destinare alcuni di loro, onniscienti e presenti ossessivamente nel dibattito pubblico, a lavori socialmente utili.

Sfuggire alle autocelebrazioni e alle santificazioni

Meno selfie ed evitare le statuine di presepe e le pizze con scritte autocelebrative, dei soliti noti. Semmai, a proposito di Santità, suggeriamo di affiancare a quella del santo patrono, la ricorrenza della nascita di Maradona. A Napoli, infatti, possiamo avere dubbi su Dio, ma sulla santità di Diego non ne abbiamo mai avuti.

Sobrietà, parola da ritrovare

No a scrivanie-bancarella. Il mercatino di Natale fuori da palazzo San Giacomo. Quanto all’outfit del neo sindaco, suggeriamo di evitare di indossare strani copricapi tipo bandane e, soprattutto, la maglia della Juve, per tutto il quinquennio. Anche il colore arancione è vivamente sconsigliato

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Lucilla Parlato

    18 Ottobre 2021 at 11:12

    In bocca al lupo a Napoli e a tutti noi per questa nuova avventura editoriale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *