Stai in contatto

NapoliCapitale

Cimitero degli Inglesi: nuove ombre sul parco di Santa Maria della Fede

Pubblicato

il

Cimitero degli Inglesi

La restituzione del Cimitero degli Inglesi di piazza Santa Maria della Fede sembrava irradiare di luce una delle aree più popolari e grigie della città. Napoli est è un agglomerato urbano soffocante, privo di spazi e di verde dove far giocare liberamente i bambini nati in questo angolo di mondo. Lo storico parco è stato riconsegnato ai cittadini soltanto pochi mesi fa, grazie al lavoro certosino e impeccabile delle donne e dagli uomini del Gruppo Autonomo Bros, a cui fu affidata dalla Regione la manutenzione di 10 parchi cittadini.

Ma come spesso accade da queste parti le cose buone non sono destinate a durare, e sul cimitero acattolico di Santa Maria della Fede sembra che siano tornate ad addensarsi le nubi. Il contratto stipulato dalla Regione con i lavoratori Bros per il progetto di riqualifica dei parchi cittadini aveva una durata di due anni, alla scadenza dei quali il Comune di Napoli avrebbe dovuto trovare un accordo con l’ente regionale per inquadrare il personale impegnato nella manutenzione dei parchi.

L’accordo con il Comune, come da programma, non è stato trovato e il contratto dei Bros – scaduto a gennaio – è stato prorogato fino a marzo, dopodiché la Regione ha già riprogrammato il loro utilizzo sulle foreste campane, tra cui spiccano quelle di Cuma e degli Astroni.

Il futuro del Cimitero degli Inglesi

Il lavoro svolto in questi mesi nel Cimitero degli Inglesi dal gruppo Bros è stato apprezzato da tutta la cittadinanza. Il parco era chiuso da tempo, utilizzato come discarica a cielo aperto dai soliti scaricatori incivili. Dai cancelli serrati era possibile scorgere suppellettili ammassati alla rinfusa ed erbaccia alta oltre il metro a celare i mausolei antichi. Un’immagine indegna, con i volti pallidi di Mary Somerville e di Anton van Pitloo a svettare come spettri in una selva di rovi.

A Napoli oggi si fatica a trovare un parco più curato e pulito, i residenti del quartiere Arenaccia lo sanno bene. Il timore è che con l’addio dei Bros (che oggi garantiscono una manutenzione quotidiana del sito) il Cimitero degli Inglesi precipiti di nuovo nell’oblio in cui era confinato fino a pochi mesi fa.

Il mancato accordo con la Regione, dunque, obbligherà il Comune a trovare una soluzione alternativa per la manutenzione del parco, soluzione, ahinoi, tutt’altro che scontata se si considerano le scarse risorse a disposizione di Palazzo San Giacomo per la cura del verde pubblico.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *