Stai in contatto

Attualità

SPARI SU POPPELLA/ La Camorra spara, lo Stato non risponde

Pubblicato

il

La Camorra continua a sparare sulla città, su quanto di buono si costruisce, soprattutto nei quartieri più difficili, in cui anche i diritti più elementari sono sospesi, per così dire.

Si spara all’impazzata nel Rione Sanità, come in altre zone di Napoli.

Stavolta, nel centro del mirino è finita la famosa pasticceria “Poppella”, le cui vetrine sono andate in pezzi sotto lo sguardo attonito del proprietario, Ciro Poppella, a cui va il nostro sostegno e la nostra totale solidarietà.

La vigliaccheria del gesto è reso ancor più eclatante dall’orario scelto per il raid. Alle 07.30 del mattino, in uno dei quartieri più densamente abitati della città, si riversano per strada tante persone. E’ l’ora in cui molti negozianti cominciano ad aprire bottega, i bar sono già aperti da un pezzo e all’ingresso delle scuole i bambini si rincorrono, nell’attesa dell’inizio delle lezioni.

I bambini, spesso vittime innocenti di queste belve senz’anima, che non guardano in faccia neanche i propri figli pur di marcare un territorio che somiglia sempre più ad una zona di frontiera, di cui lo Stato si è totalmente disinteressato e persino Dio, se esistesse, farebbe fatica a ricordarsi.

Ciò che più ferisce ed umilia è l’abituale silenzio delle istituzioni al gran completo.

Perché sparare sull’eccellenza, sulla Napoli onesta e produttiva non basta, evidentemente.

Già qualche giorno fa Ivo Poggiani, Presidente della III Municipalità, aveva rivolto un appello al neo Prefetto, estendendolo anche al Questore, come riportato nel nostro articolo a firma di Lucilla Parlato.

Raccogliamo, inoltre, l’indignazione e la stanchezza di associazioni e cittadini che da mesi denunciano, manifestano, contrastano la criminalità organizzata con tutti i mezzi a loro disposizione e tutto ciò che ricevono in risposta è indifferenza. Incredibile, ad esempio, che in tutta la zona non vi siano telecamere di sorveglianza.

Com’è facile per “lo Stato” parlare di omertà, sciacquarsi la bocca coi soliti luoghi comuni confezionati apposta per nascondere la propria incapacità. O le solite connivenze. O entrambe le cose perché, che non voglia o non possa, un fatto è certo: uno Stato che continua a perdere le sue partire contro la Camorra è un fallito.

Inoltre, in tempi in cui il terrorismo è un tema molto attuale, non si può non considerare i reati di Camorra al pari di reati terroristici.

Napoli vive la sua quotidiana “Jihad”, ma nessuno sembra importarsene.

Anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si è espresso in maniera molto dura su quanto accade in città:

”Fatto inaccettabile. Ho anche sentito per telefono il nuovo questore. Resta il fatto che la criminalità è una competenza dello Stato e quindi delle forze dell’ordine e della magistratura che fanno un lavoro encomiabile, ma che vanno rafforzate nelle loro risorse. Il cittadino non può inseguire le pistole che circolano, né mettersi con il corpo davanti al criminale che spara. (…) Un anno fa in campagna elettorale venne a Napoli l’allora ministro degli Interni Angelino Alfano e disse che la catena degli omicidi si sarebbe interrotta con l’arrivo dell’esercito. Mi permisi di esprimere, con garbo, le mie perplessità, perché l’esercito fa un lavoro egregio per il controllo degli obiettivi sensibili, ma se c’è una sparatoria deve chiamare il 112 o il 113 e allora era più utile, e forse anche meno costoso, rafforzare gli organici delle forze dell’ordine e le pattuglie in giro piuttosto che impiegare l’esercito”.

Condividiamo, infine, le parole di Ivo Poggiani, che riportiamo integralmente e che ci auguriamo vengano ascoltate dai “piani alti”:

“Di nuovo spari al Rione Sanità, alle 7:30 del mattino, orario di punta per le tante famiglie che portano i figli a scuola. Ad essere colpito stavolta è la storica Pasticceria Poppella, famosa ormai in tutta Italia per la creazione dei “fiocchi di neve”, La camorra stamane fa l’ennesimo “salto di qualità”, una follia che colpisce un simbolo del quartiere, un’imprenditore generoso nato e cresciuto alla Sanità. In questo mese ho incontrato nell’ordine: Ministro de Vincenti, Prefettura, Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle Periferie, Commissione Regionale Anticamorra. A tutti ho esternato la mia rabbia e la mia paura per il ritorno di storiche famiglie di camorra che hanno nella propria subcultura camorristica lo strumento del pizzo. Ho spiegato loro che fino a metà degli anni ’90 il quartiere tutto si basava su un’economia prodotta dall’artigianato: scarpe, guanti, cinture, pellame in generale. In tutte le famiglie c’era lavoro per la presenza di fabbriche e marchi prestigiosi come Valentino, Melluso, ecc.. Ho sentito tantissime storie di gente del territorio che mi hanno raccontato di come il pizzo nei confronti di queste attività abbia portato alla chiusura delle stesse, gettando il Rione Sanità in un baratro di depressione economica. Mi raccontano che all’epoca a farla da padrone era il clan dei c.d. Vastarella, che hanno distrutto una florida economia di quartiere. Per 10 anni quindi c’è stato il BUIO. Da qualche anno a questa parte però si è invertita la tendenza. Piccoli commerciali, imprenditori, associazioni e cooperative hanno ridato vita al tessuto produttivo del Rione puntando tutto su due filoni: cultura e turismo, piccolo commercio basato soprattutto sulle eccellenze del food. Lungamente ho chiacchierato con de Vincenti e con tutti gli altri, gli ho chiesto di non lasciare solo il quartiere che piano piano sta alzando la testa. Purtroppo però oggi sta succedendo quello che tutti temevano. Sembrerebbe che quelle storie famiglie di camorra hanno ripreso il controllo del territorio ed maniera violenta stanno di nuovo soffocando le economie del quartiere. Non so se stamattina, quello che è successo sia esattamente questo, ossia intimidazioni per il racket. Mi pare però che quelle modalità di quel cancro radicato nel Rione Fontanelle che ha agito per anni in questa direzione stia tornando. Ribadisco: ognuno faccia la sua parte. da stamattina ho ricevuto decine di messaggi e telefonate di gente stanca ed esasperata. Lo Stato non può girare la testa da un’altra parte, Non può continuare ad essere omertoso…”

 

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.