Stai in contatto

Attualità

SPUTTANAPOLI DI SEVERGNINI / Italians di nome e di fatto: antologia di lettere contro il Sud (e nostre risposte)

Pubblicato

il

italians severgnini

Alcuni nostri afecionados ci hanno segnalato il blog di Beppe Severgnini, Italians, evidentemente di nome e di fatto. In realtà, non è la prima volta che ci imbattiamo nell’antimeridionalismo di Severgnini e dei suoi lettori- quattro gatti, a dirla tutta- e stavolta abbiamo deciso di rispondere alle farneticazioni di qualche utente. In particolare, abbiamo preso in esame due missive, a cui rispondiamo, punto per punto.

Tale Paolo Verni, p4012@arcor.de scrive:
“Vorrei che pensaste un po’ al nostro Paese e al nostro Mezzogiorno. Nel 1861 la lira sostituì una marea di valute e l’Italia divenne un’unione politica e monetaria, peraltro poco omogenea. L’Italia aveva e tuttora ha, come purtroppo ben sappiamo, marcate differenze tra le sue regioni in termini di reddito, sviluppo, produttività, competitività, per non citare quelle culturali. Come l’Europa. Senza i cospicui trasferimenti dal centro-nord al sud, il Mezzogiorno non avrebbe retto né lira né tantomeno l’euro. Possiamo dire, con lieve approssimazione, che la Lombardia sta alla Calabria o alla Sicilia come la Germania sta alla Grecia.”

Gentile Paolo,
per rispondere a questa “cosa”, avremmo bisogno di consumare litri di inchiostro virtuale. Dovremmo citare de’ Sivo, Salvemini, Nitti, gli studi di Malanima e Daniele, Manna, Zitara. Non la finiremmo più. E, grazie a Dio, ormai lo sanno anche i muri che quella che voi chiamate unità fu, di fatto, una feroce ANNESSIONE di un grande Stato ad un regno piccolo, affamato, indebitato e finanziato da inglesi e massonerie europee. Potremmo parlare del FURTO del Banco di Napoli, dello smantellamento di tutto il tessuto industriale napolitano (“meridionale”) trasferito nel neonato “triangolo industriale”, di Castellammare e i suoi cantieri, di Pietrarsa e la prima strage operaia del regno d’Italia, di Carlo Bombrini e la sua promessa che non saremmo più stati in grado di intraprendere. E, in riferimento alla Calabria, potremmo parlare di Mongiana e delle sue “Reali ferriere ed Officine” che davano lavoro a 1.500 persone. Potremmo parlare di 154 anni di furti, depredazioni, ingiustizie sociali. Potremmo parlare dei fondi destinati al Sud in ogni comparto, dei fondi FAS serviti a pagare quote lattee nordiche e tanto altro, della cassa del Mezzogiorno completamente prosciugata da imprese padane, del COLONIALISMO INTERNO in cui il Sud funge da bancomat, vacca perennemente da spremere, sversatoioi di rifiuti tossici provenienti da ogni parte d’Italia e mercato di sbocco protetto.

E ancora, di quanto quest’Italia, al Sud, non abbia lasciato “manco gli occhi per piangere”, citando l’ultimo sovrano, Francesco II di Borbone. E, soprattutto, di quanto ancora oggi, le regioni più indebitate (vedere l’articolo sul Piemonte) e che ci costano fiumi di denaro ogni anno, siano quelle tosco-padane.

Ma non avendo a disposizione una settimana intera per trattare l’argomento, dato che si cita il 1861, forniremo un solo dato. Uno solo. Quello relativo allo studio di Stéphanie Collet, storica della finanza della “Université Libre de Bruxelles” che si è messa a studiare documenti degli archivi delle Borse di Parigi e Anversa per arrivare all’origine del debito pubblico europeo dei sette Stati che nel 1860 fondarono il Regno d’Italia. Lo studio è riportato, tra gli altri, dal Sole 24 ore (nota testata meridionalista…), di cui alleghiamo alcuni passaggi molto significativi:

“Grazie al fatto che anche dopo l’unificazione i titoli del Regno d’Italia conservarono fino al 1876 l’indicazione della loro origine (per esempio, ad Anversa le emissioni del Regno delle Due Sicilie erano indicate come “Italy-Neapolitean”) la Collet è riuscita a ricostruire le serie storiche dei prezzi settimanali tra il 1847 e il 1873. (…) 25 emissioni suddivise in quattro gruppi: Regno di Piemonte e Sardegna, Lombardo-Veneto, Due Sicilie e Stato Pontificio.

La prima cosa che balza agli occhi è lo spread (anche allora!) tra i rendimenti dei diversi gruppi di bond prima e dopo l’Unità. Quelli del Regno delle Due Sicilie (che erano un quarto del totale) prima del 1861 pagavano i tassi più bassi: 4,3%, 140 punti base in meno delle emissioni papali e di quelle piemontesi (che rappresentavano rispettivamente il 29% e il 44% del debito unitario dopo la conversione) e 160 in meno rispetto a quelle Lombardo-Venete (che però erano solo il 2%). (…) Insomma, a voler utilizzare le categorie di oggi, il Regno di Napoli economicamente era per l’Italia quello che oggi la Germania è per l’Eurozona.

«Come il Regno di Napoli prima dell’integrazione del debito sovrano, la Germania di oggi è l’economia più forte dell’eurozona e beneficia del costo del debito più basso in assoluto» scrive Collet. Considerazioni, queste, che faranno storcere il naso a molti, ma sicuramente non di parte. Del resto, come ricorda Collet, Napoli era di gran lunga la città più importante del neonato Regno d’Italia. E le regioni del Sud avevano una discreta struttura industriale, un’agricoltura fiorente sia pure basata sul latifondismo, e importanti porti commerciali. (…) Subito dopo il 1861, però, lo scettiscismo dei mercati nel processo unitario italiano impose un “risk premium” comune a tutti i bond degli stati preunitari, anche a quelli che fino a quel momento avevano goduto di maggiore fiducia e dunque di rendimenti più bassi. (…) l’anno successivo, infatti, i rendimenti dei titoli convertiti in “Regno d’Italia” si allinearono ben al di sopra dei tassi precedenti, al 6,9%.

Per gli “Italy – Neapolitean” 260 punti base in più che diventarono 460 nel 1870, per poi cominciare a ripiegare dopo il 1871, quando cioè l’annessione di Venezia e di Roma e il trasferimento della capitale nella città del papato convinsero gli investitori, e non solo, che l’Unità era ormai irreversibile. (…) Considerato che quella italiana fu un’annessione anche militare”
di Giuseppe Chiellino – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/ybCzo

Il nostro “amico” Paolo prosegue così:

“Abbiamo visto che i generosi trasferimenti, spesso a fondo perduto, non aiutano a sollevarsi e ripartire ma creano assistenzialismo drogando il bisognoso e creando dipendenza. Questa a sua volta uccide l’imprenditorialità e fa diventare il cittadino un suddito, minando così la democrazia stessa.”

In realtà, la storia e l’attualità ci dicono che, grazie ai “generosi trasferimenti” è stato possibile creare DAL NULLA il triangolo industriale e l’intero tessuto industriale tosco-padano, inesistente prima del 1861 e, soprattutto, per dirla alla Zitara, “inventare il Mezzogiorno” e la questione meridionale, anch’essa inesistente prima del fatal ’60.

“Quindi Tsipras e i suoi sodali continentali si comportano come da sempre fanno generazioni di politici meridionali italiani: vogliono essere assistiti dal Nord, chiedono soldi promettendo in cambio non riforme, ma pace sociale.”

E qui ci risulta difficile persino rispondere. O, almeno, farlo seriamente, dato che riforme e leggi vengono elaborate dal PARLAMENTO, che ha sede a ROMA e che è presieduto, non solo da tosco-padani ma , soprattutto, questi sono capi dei maggiori partiti, capi di Governo (chi si ricorda l’ultimo Presidente del Consiglio meridionale?) e i fantocci finanziati da imprenditori nordici (vedi la Lega Nord) e non certo dalla “politica locale”. Peraltro, non essendo una federazione, non si capisce come sarebbe possibile legiferare in seno a politiche economiche e sociali da parte dei cosiddetti enti locali.

Un’altra mail, di natura diversa ma sempre discriminatoria, è quella di tale Andrea Guidi, scatto79@gmail.com

“Gentile Beppe, sono reduce da un viaggio per motivi famigliari in un paesino sperduto dell’entroterra campano, dove ho avuto modo di partecipare a festeggiamenti e di conoscere altri giovani del posto. Ho toccato con mano, per me milanese da generazioni, una realtà sociale che non immaginavo, fatta di ragazze fidanzate in casa che possono incontrare il “promesso sposo” solo nella piazza del borgo, di fratelli che “vegliano” sulla moralità delle sorelle, di coppie costrette dalle pressioni dei parenti a sposarsi in chiesa anche se non credenti (una ragazza diciottenne mi ha chiesto, credimi, se davvero in Italia fosse possibile sposarsi in comune!), e di ventenni che progettano di scappare al Nord per poter vivere apertamente la propria omosessualità. Secondo te, in un’Europa dove i matrimoni gay sono ormai un diritto acquisito, possiamo permetterci ancora queste sacche di “novecento”? E i giornalisti perché non raccontano più queste realtà fatte di chiusura e di rigido controllo sociale?”

Proprio ieri abbiamo pubblicato un articolo sul rapporto tra il Regno di Napoli e l’omosessualità. E proprio ieri Napoli ha ospitato il Gay Pride. Consigliamo ad Andrea Guidi di leggerlo e, contestualmente, di farsi una ripassata dei fatti di cronaca che, nella civilissima Italia tosco-padana, hanno visto omosessuali finire all’ospedale massacrati, vittime di atti di bullismo o addirittura suicidatisi per l’impossibilità a vivere liberamente la propria condizione. Come il caso di Gianluca, 35 anni, originario di Caserta, massacrato per strada a MILANO perchè gay o della baby gang che, sempre a Milano, picchiava ebrei e gay.

Inoltre, paragonare una grande città come Milano (che, peraltro, è fatta quasi totalmente da meridionali, se si considera che in 150 anni, grazie alla piaga dell’emigrazione interna, ha aumentato di 15 volte la sua popolazione) con piccoli centri dell’entroterra è semplicemente una buffonata .

Concludiamo ben consci del fatto che questi signori dal luogo comune facile non sono i primi e non saranno gli ultimi a rinnovare le fandonie antimeridionali su cui si è fondato questo verognoso paese perchè, si sa, la mamma dei padani è sempre incinta…

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *