Stai in contatto

Attualità

TURISTI ALLO SBARAGLIO / A Piazza Garibaldi così imperversano furti e borseggi

Pubblicato

il

Piazza Garibaldi

Piazza Garibaldi

Non e’ Napoli la città dal più alto tasso di truffe e borseggi, così come non è ai vertici “europei” in fatto di violenze (fra le prime 10 c’è Roma); sgombriamo il campo da qualsiasi equivoco, ma le condizioni di Piazza Garibaldi, che è uno dei primi biglietti da visita per un turista che viene qui da noi,  sono preoccupanti.

Tra disagi vari, per via di quei  lavori “metropolitani” che quasi quotidianamente, ne modificano i connotati, non si può evitare di riscontrare una sorta di “spartizione”, in base alla quale, il turista ignaro, si ritrova ad affrontare un percorso irto di ostacoli e pericoli, ogni volta che percorre quel tratto che va dalla stazione al “rettifilo”.

I borseggi, sono ad appannaggio di algerini e tunisini che, con le più svariate tecniche di “distrazione” camminano a gruppi da tre e cercano di sfilare il portafogli o addirittura i bagagli ai malcapitati visitatori, e sono sempre gli stessi, come testimoniano gli abitanti della zona che dal balcone assistono impotenti a questo teatro quotidiano, e si ritrovano spesso a chiamare un 113 non sempre puntuale nelle risposte.

Basterebbe inserire poliziotti in borghese in quelle zone, senza far venire i “falchi” che una volta giunti li in pompa magna, finiscono con l’essere riconosciuti facilmente, mettendo in condizione i lestofanti, di potersela agevolmente svignare.

Ma in questo gioco delle spartizioni, quei napoletani che tanto inguaiano la nostra terra, prendono l’altra fetta di “mercato”, quella relativa alle truffe, ed ecco i classici tavolini delle tre campanelle o tre carte, se così le si vuol chiamare, e quei “pacchi” che non passano mai di moda perchè c’è ancora chi ci casca, purtroppo.

Sarà il nome della piazza, magari un cattivo presagio, visto che con quel Garibaldi, la camorra ci andò a nozze, fatto sta che progressivamente, è il caos a farla da padrone, e i residenti, vivono nel continuo terrore di eventuali rappresaglie, visto e considerata l’evanescenza delle forze dell’ordine che sembrano cadere dalle nuvole, anche di fronte ad un segreto di Pulcinella, che da decenni va avanti e prolifera indisturbato.

Bisognerebbe dirlo ai saccenti della stampa nazionale, avvezzi al solito “sputtanapoli”, quando parlano di omertà,  che in realtà, quelle istituzioni (italiane) che dovrebbero mettere ordine in quella zona, forse per volere di qualcuno, continuano ad avere le mani legate; bisognerebbe spiegare loro che un povero residente che vede cadere nel vuoto le sue denunce, ad un certo punto non puo’  insistere nel denunciare, poichè finirebbe con il rischiare la sua stessa incolumità e quella della sua famiglia che in quelle zone ci deve vivere.

Ma il fenomeno continua, domani è un altro giorno, un altro giro di ruota, altri turisti incantati dalla bellezza di Napoli, che percorrono questa piazza, e come “pecore” in mezzo ai “lupi” si ritrovano su questo palcoscenico, e noi qui a pregare per loro.

Alberto Guarino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.