Stai in contatto

Cultura

UN ARTICOLO DEL 1861 / Torino capitale? Rispetto a Napoli è un “piricuoccolo” di paese

Pubblicato

il

 

torino nel 1861

 

Torino


Il seguente brano, tradotto dal napoletano all’italiano, dedicato a Torino e all’improbabilità di farne una capitale già allora, è tratto da Pulicenella e lo diavolo zuoppo, giornale satirico in lingua Napoletana del
21 novembre 1861. Lo pubblichiamo per gentile concessione di Carmine Sadeo, che gestisce la pagina Fb titolata al giornale, Pulicinella e lo diavolo zuoppo.


TORINO?!


Ora possiamo arrivare a comprendere perché Torino deve essere per forza la Capitale d’Italia. Come se Torino fosse una città  grande e centrale! Fino a ché Roma non sarà Capitale, Napoli deve essere la Capitale provvisoria, per 100mila motivi; perché Napoli è la terza città d’Europa, perché Napoli è Napoli, voglio dire, non gli manca nulla! A confronto di Napoli Torino non è altro che un “casalotto”, un “piricuoccolo” di paese, una ceppa di casettina del presepe!

Insomma, quando il Re vorrà venirsene a Napoli?
Gli impegati ministeriali, gli ambasciatori esteri, i deputati, senatori e tanti altri mangiapane a tradimento, sono a Napoli e risparmiano un terzo sulle tasse! A Torino il pane si vende in libbre (e fosse almeno buono), una libbra costa più di un rotolo da Noi. Sia per gloria che splendore, Napoli è sempre stata Capitale di Regno.

Se vogliamo parlare di antichità, basta citarvi: l’antica Partenope.


Invece, per quanto riguarda nobiltà non esiste chi la sorpassa, per monumenti, per strade, per chiese, per teatri, per stabilimenti, per palazzi, per clima, per aria, per tutto il meglio del meglio delle Città della penisola. E dunque, per qual motivo Torino l’ha messa sotto?

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.