Stai in contatto

Attualità

ARTE PRESEPIALE/ Da Scampia Daniele Canino esporta pastori napoletani in Trentino

Pubblicato

il

Daniele Canino, maestro di arte presepiale

Daniele Canino, maestro di arte presepiale

E’ un figlio di quella Scampia che non viene raccontata da Saviano: Daniele Canino è un ragazzo semplice, che ha dovuto andare via da Napoli, ma ha avuto l’intelligenza di comprendere che quella rabbia che cova dentro di se, la rabbia di chi non riesce ad esprimere il proprio potenziale, nel proprio ambiente nativo, non poteva riversarsi proprio su Napoli, e a differenza di tanti “napolesi” che, emigrati al Nord,  quella rabbia la esprimono a sproposito e contro chi è vittima  e non carnefice, difende la propria terra, e di quella terra, porta con sè i sapori, le essenze, ma soprattutto l’arte.

Una vita da precario, la sua,  che continua ad essere precaria, anche in quel profondo Nord che una volta era garanzia di stabilità, almeno dal punto di vista economico. Ma in quel di Calliano, fra Rovereto e Trento, il nostro amico non si annoia, ed oltre a tramandare la nostra tradizione culinaria, con la preparazione di pizze, pane ed altri piatti, rigorosamente made in Naples, porta avanti l’arte del presepe, proprio come i suoi colleghi di San Gregorio Armeno, ricevendo i complimenti degli abitanti del Trentino, estasiati dalle sue opere.

15542209_10209810437570547_8285298894655663087_n

 

Ed ecco la più grossa delle soddisfazioni; il consorzio “Rovereto in Centro”, decide di affidargli un laboratorio dove lui insegnerà agli adulti le tecniche di fabbricazione di casette, vegetazione, personaggi etc, tipici del Presepe Napoletano. A Piazza San Marco a Rovereto, (Palazzo Adami), in questi giorni di Dicembre, adulti e bambini potranno imparare le basi per la fabbricazione del presepe, grazie a Daniele, che in questa città, ha avuto, in passato, anche altri suoi presepi esposti, oltre a quelli di due suoi allievi, più anziani di lui anagraficamente.

15492428_10209810438490570_3534995779155662586_n

“La mia gioia non consiste nel ricevere un complimento dal punto di vista personale, ma nel vedere negli occhi della gente del Trentino, lo stupore, la gioia, la soddisfazione nel constatare che giù al Sud, c’è tanto da imparare” E’ il commento di Daniele, che proprio da  quelle persone, ha ricevuto quella gratificazione, che ti spinge ad andare avanti, una gratificazione che ti fa vedere Napoli ovunque, anche a migliaia di chilometri di distanza.

15391165_10209810440690625_99343541307451486_n

“So che la mia Scampia è cambiata tantissimo – continua Daniele Canino –  e non corrisponde all’immagine che spesso viene divulgata in TV, ma so anche che c’è tanta gente che a prescindere dalla TV, sa farsi una propria idea, e magari proprio da Nord, grazie a noi che tramandiamo Napoli in tutte le sue sfaccettature, valorizzano ed apprezzano le nostre peculiarità”.

Daniele è la dimostrazione lampante che si può vincere, la “guerra” a difesa della propria identità,  anche e soprattutto lontano da Napoli, con uno sguardo al presente, il cervello lucido e pro-attivo, ricco di idee, dettate dalla tipica creatività napoletana, ma con un cuore che pulsa inesauribilmente  direttamente made in Scampia.

Alberto Guarino

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.