Stai in contatto

Attualità

UN’ALTRA FIGURA STORICA CHE CI LASCIA / Addio a zì Tonino, l’ultimo Sciuscià di Napoli

Pubblicato

il

Sono mesi tristi per Napoli, almeno per chi come noi è attento ai suoi simboli, alle sue figure storiche. Una dietro l’altra, in questi giorni, ci stanno lasciando. Titina dei fiori a San Gregorio Armeno, Fortuna delle banane a Montesanto e ieri Zi’ Tonino, al secolo Antonio Vespa, il più celebre lustrascarpe di Napoli, noto a tutti coloro che per cinquant’anni sono passati per via Toledo, davanti alla Galleria.

Stava male da tempo Tonino e già in passato lo avevano dato per morto. Ed infatti là, nel suo luogo storico, dove l’ultimo “vip” a farsi lustrare le scarpe era stato il governatore campano, non si vedeva da tanto.

Ultimo sciuscià partenopeo, nella sua vita ha lucidato le scarpe di migliaia di persone, compresi molti personaggi famosi di cui era divenuto amico. Totò, Vittorio De Sica, Gigi D’Alessio, Gina Lollobrigida, Silvio Berlusconi e Antonio Bassolino: le scarpe passate sotto la sua spazzola non si contano, sono state infinite. Ogni giorno arrivava da Aversa alla Galleria Umberto I per prestare servizio con la sua scatola di attrezzi che definiva ‘a nennella. Una vita trascorsa per strada, rinverdendo uno dei mestieri più antichi di Napoli.

Con la scomparsa di zio Tonino scompaiono anche da Napoli gli sciuscià resi celebri dal film omonimo di Vittorio De Sica. Amati e cercati dagli americani sbarcati in Italia nel 1943 negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta questi ragazzi guadagnavano fino a 400 lire lucidando una dozzina di paia di scarpe al giorno: via la polvere anzitutto, poi toccava alla pomata e infine alle due spazzole che contemporaneamente ripulivano le calzature, mentre il cliente, assiso sul trono da strada, quasi sempre leggeva il giornale. Poi arrivarono le scarpe da tennis e pian piano, a partire dagli anni Ottanta, uno dopo l’altro i lustrascarpe sparirono dalle strade delle città. Oggi di “sciuscià”, dall’inglese shoes shine, ne sono rimasti pochissimi. Alla scomparsa dell’ultimo lustrascarpe di Palermo, Vincenzo Bartolotta, l’anno scorso, fu fatto un censimento dal quale si evinse che più o meno in Italia sopravvivevano una ventina di Sciuscià, tra Roma – unica città ad averli trasformati in bottegai di lusso – Napoli e Caltanissetta.

La locale associazione di Confartigianato aveva anche proposto la nascita di una cooperativa per farli rivivere a Palermo e recuperarne la tradizione.

Gli sciuscià restano comunque grazie a De Sica figure eterne. Una curiosità che vale la pena ricordare: in totale il film Sciuscià costò meno di un milione di lire dell’epoca (1946), ma per il produttore fu un disastro finanziario. A nessun italiano interessava andare al cinema in pieno dopoguerra a ritrovare le difficoltà della vita quotidiana, tant’è che si racconta che quando De Sica provò a entrare in una sala cinematografica di Milano dove si proiettava Sciuscià fu accolto dagli spettatori infuriati. Poi però il film fu venduto per quattromila lire al distributore americano Ilya Lopert e decollò: l’Italia vinse il suo primo Oscar, e per la prima volta il premio fu conferito ad una pellicola non statunitense. Cinque anni dopo la deludente uscita, il film superò i 55milioni di incasso. Tutto grazie alle storie di sciuscià come Tonino, che hanno messo la parola dignità davanti a tutto. Che ci ricordano una Napoli che vorremmo sopravvivesse a tutto. Che ci manca ogni giorno di più. Non dimenticheremo mai la sua schiena curvata dal lavoro che tanto amava e quella umanità tipicamente partenopea stampata sul suo volto. Ci mancherai Zí Tonino…grazie di tutto!

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.