Stai in contatto

Attualità

VERGOGNA CAPITALE/ Omicidi e violenze a Roma, ma la questura fa comunicati sui napoletani ruba-orologi

Pubblicato

il

 

mafia roma

Vergognoso il comunicato della Questura di Roma che titola così :”ROMA. INDIVIDUATE DALLA POLIZIA DI STATO DUE BANDE PARTENOPEE IN TRASFERTA A ROMA RESPONSABILI DI DIECI RAPINE DI OROLOGI PREZIOSI”.

La stessa Questura che, per gli scontri dell’Olimpico che portarono all’assassinio di Ciro Esposito ed al ferimento di altri supporters partenopei, gestì la sicurezza in maniera OSCENA e lasciò a piede libero l’omicida, Daniele De Santis. A due giorni dall’omicidio di due uomini alla Prenestina, quartiere ad Est di Roma, questi signori utilizzano toni trionfalistici per aver acciuffato quattro ladruncoli in trasferta. Ma la cosa che ci preoccupa sottolineare è il clima di odio nei confronti dei napoletani che viene alimentato da questo tipo di comunicazione.

Due città, Napoli e Roma, che da dopo i fatti dell’Olimpico non vanno più tanto “daccordo”, per usare un eufemismo. E la polizia pensa bene di gettare benzina sul fuoco e comunicare che quattro PERICOLOSISSIMI ladruncoli, provenienti da NAPOLI, sono stati acchiappati. E siamo sicuri che, al di là del solito razzismo che questo genere di titoli alimenterà, i cittadini di Roma sì che saranno al sicuro adesso! Da una pagina di cronaca romana estratta dal “Messaggero”, leggiamo: “Una zona periferica (quella dove è avvenuto il fatto) fin troppo spesso teatro della cronaca nera cittadina. Basta farsi un giro per rendersi conto del degrado che avvolge alcune vie interne del quartiere. Su un citofono una freccia indica alle forze dell’ordine dove bussare per non sbagliarsi: «Qui arresti domiciliari». È un’accortezza dell’inquilino del secondo piano. Recluso in casa da 3 mesi, vuole evitare risvegli al vicinato. Galateo di periferia, dove il carcere a domicilio non è un segreto ma si può condividere se non addirittura ostentare”.

E che importa se giusto quattro giorni fa sono stati freddati due uomini, in un quartiere popolare. Che importa se cittadini ed associazioni denunciano QUOTIDIANAMENTE l’ondata di violenza, la criminalità crescente ed il terrore dei residenti di molti quartieri di Roma, sempre più teatro a cielo aperto di piazze di spaccio alla luce del giorno, di ogni genere di prostituzione (anche infantile) in centri abitati ed a tutte le ore.

Che importa se i regolamenti di conto tra bande criminali avvengono sempre più frequentemente tra la gente e persino nei quartieri “bene”. Da oggi, i romani potranno dormire sogni tranquilli. Messi “ar gabbio” i pericolosissimi ladruncoli partenopei – ed in quanto tali costitutivamente camorristi – la polizia romana potrà prendersi una bella vacanza. Del resto, se si gestisce la sicurezza a Roma come si è gestita in quel maledetto 3 maggio, in vacanza ci sono già. Da una vita.

Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.