Stai in contatto

Uncategorized

‘A Puisia in napoletano della domenica. Oggi in compagnia con i versi di Rosa Mancini

Pubblicato

il

Buon lunedì poeti. Un nuovo appuntamento con ‘A Puisia, la rubrica nata in collaborazione con il sulsud.it dell’Associazione culturale no profit “Poesie Metropolitane” che ogni domenica valorizza versi e componimenti in napoletano di autori emergenti dell’associazione.

Buona lettura con Rosa Mancini

Rosa Mancini nasce a Napoli il 5 agosto 1986. Scrive poesie da quando era piccola, appassionata di libri e storie. Si laurea ad Urbino in Editoria, media e giornalismo. Nel 2015 insieme a un gruppo di appassionati di poesia fonda l’Associazione culturale no profit “Poesie Metropolitane” della quale è Presidente. Nel 2016 pubblica il suo libro libro con LFA Publisher “Monologo di un abbandono”, nel 2021 “Il Contrario di tutto”, con la stessa Casa editrice.

Cura diversi progetti editoriali come la silloge poetica Carnale, gocce poetiche di eros con la Marotta & Cafiero- per un Concorso di Poesie Metropolitane. Negli anni si specializza ancora di più in editoria a tal punto da ideare insieme ad alcuni membri di Poesie Metropolitane prima “Io resto poesia” e “Demetra” due raccolte poetiche corali a sostegno del sociale e poi dei Libri editi direttamente dall’Associazione come Tempo scritto, dialoghi della solitudine di Valeria Marchese e ‘O Cunto, il racconto- libro agenda 2022 di Poesie Metropolitane in collaborazione con L’ Associazione delle Botteghe di San Gregorio Armeno.

Organizza eventi culturali e reading di poesia. Sogna di diventare editore.

So’ caruta n’ata vota
N’copp’ â vocca toja.
Chèlla vocca che tiène
Nu mme fa durmì.

‘O saccjo che nnun è ccosa
Lascia sta
M’ ‘ o ddico sempe.
“Nu ffa pe tte ‘stu guaglione”.
Ma nun ce pozzo fa niente
Io quand’ ‘o veco
Me manc’ ‘o ciato
Me tremmano ll’ossa.

E vulesse fuire
da chèlla vocca toja
Ma resto ccà.
E ppure io resto ccà a cce pruvà
A tte fa annammurà,
ma nun ce sta nient’ ‘a fa.

Rind’ a ll’uocchie tuoje
Ce sta ‘a notte
E mmanco na stella pe mme
E allora pecchè tuorne sempe
Pure si nun me vuò?
Ca ‘e stelle nun se contano senza ll’ammore
E’ ssulo turmiento
E ll’anema mia parla sulo ‘e te
Chest’ anema fa e cunte cu ‘e suonne
E a voglia ‘e ce pruvà nun trovà pace
Rint’ a ‘stu core sacchiggiato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.