Stai in contatto

Uncategorized

‘A Puisia in napoletano di Poesie Metropolitane. Oggi in compagnia con Carmine Orofino

Pubblicato

il

La domenica è poesia. Anzi ‘A Puisia. Poesie Metropolitane ogni settimana da voce a un suo associato e a una sua poesia in napoletano. Oggi vi presentiamo il poeta Carmine Orofino.

Nasce a Castellammare di Stabia nell’aprile del 1988, trascorre la sua
adolescenza in provincia, tra Pompei e Torre Annunziata, dove ha
conseguito il diploma di Geometra, frequentando associazioni culturali
ed organizzando eventi, coltivando la passione per la musica e la
poesia. All’età di venticinque anni, durante i suoi studi specialistici in
Ingegneria Edile, si trasferisce a Napoli dove conosce e frequenta
personaggi “romantici” insieme ai quali organizza dapprima delle jam
session al Museum in largo Corpo di Napoli e successivamente un
laboratorio di musica e poesia all’associazione culturale “A’mbasciata”
sita in Palazzo Venezia a via Benedetto Croce, dove prende vita il suo
progetto di poesie in vernacolo, che trova nel presente volume la sua
completa espressione.

Luntano ‘a Napule

Aggio fatto na scelta

dint’ â vita: me ne

so gghiuto luntano

‘a Napule.

Me pare sempe ca

chello c’aggia lassato

è cchiù assaje e cchello

c’aggia truvato.

Ma nunn è accussì.

Chello ca vulevo essere,

chello ca vulevo fa,

‘int’a ‘stu posto nun avesso

maje pututo addeventa’. 

Stongo luntano e

spisso ce penzo ca

forze a ‘sta città ‘a

voglio cchiù bbene

‘e tante ca so’ rrimaste.

Stongo luntano e

qquanno torno, torno

cuntento pure ‘e vede’

ca niente è ccagnato.

‘O cumpagno mio

è rrimasto, e ssoffre

ancora, vive d’ammore

e ssoffre, soffre ancora.

Nun sape quanto me

costa chesta libbertà,

dinto a ll’uocchie suoje

me pare cchiù doce

chella prigione.

Aggio fatto ‘sta scelta

dinto ‘a vita: me ne

so’ gghiuto luntano.

Aggio perzo quaccosa,

nun saccio manco bbuono

che ccosa, ma aggio

truvato me stesso.

Carmine Orofino

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. gennaro cecatiello

    20 Gennaio 2022 at 11:02

    è cchiù assaje e cchello -de chello =’e chello. Essendo più lettore che scrittore, poi, le due “ci” di chello mi suonano male.Ti chiedo:Il raddoppio iniziale è opinabile?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.