Stai in contatto

Uncategorized

‘A Puisia in napoletano della domenica, un nuovo appuntamento con i versi di Maddalena Cascone

Pubblicato

il

Buona domenica con ‘A Puisia in napoletano, la rubrica di Poesie Metropolitane che ogni settimana da spazio a un associato, autore o poeta emergente con un suo componimento in vernacolo.

Oggi vi parliamo di Maddalena Cascone. Buona lettura

Maddalena Cascone è nata l’8 marzo 1956 a Pompei, dove ha sempre vissuto e
tuttora vive. Docente di ruolo nella scuola materna, media e superiore ha pubblicato
numerosi testi scolastici con la Casa Editrice Loffredo, Napoli. Ora, in pensione, si
dedica completamente alla scrittura. Selezionata in vari concorsi di poesie “Il
Federiciano 2018”, “Il Tiburtino 2020” e canzoni “CET Scuola Autori di Mogol”, è
presente in antologie edite da Aletti Editore ed è stata finalista al concorso “Poesia a
Napoli 2018” indetto da Guida Editore con “Sciummo, che curre a fa?”, “Me pareva
nu signore” e “A Curazza Arrugginita”.

‘E  Llente

di Maddalena Cascone

Vurrìa tenè na lente ‘e ‘ngrandimento.

Vurrìa arrivà  da ll’uocchie tuoje ‘nfino ô cereviéllo

pe  lleggere ‘e penziére  bbuon’ e ‘e malamente,

si me vuò  bbene overamente o pe ccommodità.

Na lente ‘ncoppa ê llabbra piccerelle

pe  spartere ‘a bbuscia d’ ‘a verità.

E n’ata ncopp’ ‘o piétto ca va ‘nprufundità

Pe ssapè sinceramente pe cchi sbatte ‘o core tuojo.

Ne vurrìa una p’ ‘a vicinanza,

p’accurcià ‘e distanze tra me e ‘a vita toja.

Vurrìa na lente restringente, ca me facesse addeventà na silouette,

tu fusse  cchiù cuntento e io n’avessa fa sempe riune,

pure si nun s’ammesura  ll’ammore d’ ‘a  circunferenza.

Si llieve ‘e llente tutto torna tale e qquale.

‘A vita è n’illusione, nu suonno a uocchie apiérte.

Lassateme sunnà.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.