Stai in contatto

Rubriche

‘A Puisia la rubrica poetica della domenica che valorizza la poesia in napoletano dell’Associazione culturale poesie metropolitane

Pubblicato

il

Un nuovo appuntamento con ‘A Puisia, la rubrica di Poesie Metropolitane che da voce ad autori e poeti dell’associazione che scrivono in napoletano. Oggi in compagnia di Francesco Limite.

Francesco Limite, diversamente giovane, laureato quasi inutilmente. Assistente di volo, direi per forza, per 30anni. Rimatore da moti secoli esclusivamente in vernacolo, il quale non vive questa condizione come una diminutio, e chest’è.

NAPULE ‘a sento, ‘a tocco, ‘a veco…. 

Io ca napulitano nce so’ nnato, 

da sempe ‘e ‘sta città ne sento ‘o ciato, 

m’ ‘a sento ca me scorre dint’ ê vvene 

e scopro sempe ‘e cchiù c’ ‘a voglio bbene. 

‘E Napule me piace ‘a cartulina, 

‘a passiata ‘nfino a Margellina, 

‘o lungomare ca s’è llibberato 

d’ ‘o traffico ca ll’era stravesato. 

‘E Napule me piaceno ‘e remmure 

…’e miéz’ â via, ‘e vvoce d’ ‘e ccriature. 

Pure âmmuina, si nunn’ è bburdello 

nun me disturba, a mme me pare bbella. 

Me piace ‘e passià p’ ‘o centro antico 

jenne scuvanno ‘a vita vico, vico 

e gguardà ‘a ggente ca nun tene niénte 

e ttira ‘a vita annante a bbotte ‘e stiénte. 

Me piace ‘a ggente ca chiacchiarea, affacciata, 

e ss’addimanna: “vuje, che ccucenate ”? 

“Tengo ‘o criaturo ca sta ‘mbarazzato, 

faccio nu poco ‘e pasta scaurata”! 

Napule ‘a veco dint’ a na lampara 

dint’ ô scugnizzo ca se votta a mmare, 

a Ssan Gregorio, ‘o vico d’ ‘e pasture 

e ‘into ô mercato, ditto, ‘e ncopp’ ê mmure. 

Napule ‘a veco dint’ a cchi s’arrangia 

ca nun delinque pure si nun mangia, 

ca se ‘nventa ogni gghiuorno nu mestiére 

speranno ca dimane sarrà meglio d’ ajere! 

Napule ‘a tocco stanno mmiéz’ â ggente 

ca oltre ‘a dignità nun tene niénte, 

e ppure si ‘a fatica nunn’ ‘a tene 

accetta ‘stu destino comme vene. 

Napule ‘a magno ‘into a na sfugliatella 

dint’ a na pizza fritta ‘into â tiélla, 

dint’ a nu mezzaniello lardiato 

e nu rraù ch’assaje ha pippiato. 

Pirciò, si voglio ‘a Napule pulsante, 

d’ ‘o sango ca me scorre dint’ ê vvene, 

io nunn’ ‘a cerco nella “Napoli bbene” 

ma ‘into ê quartiere antiche e ppopolare 

ca parlano ‘o dialetto e ssanno ‘e mare!! 

Io so’ nnapulitano ‘a che so’ nnato, 

da tanno ‘e ‘sta città ne sento ‘o ciato! 

 Franco Limite

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.