Stai in contatto

Rubriche

‘A Puisia: la rubrica poetica della domenica di Poesie Metropolitane

Pubblicato

il

Un nuovo appuntamento con ‘A Puisia, la rubrica di Poesie Metropolitane che da voce ad autori e poeti dell’associazione che scrivono in napoletano. Oggi in compagnia di Carmine Orofino.

Nasce a Castellammare di Stabia nell’aprile del 1988, trascorre la sua adolescenza in provincia, tra Pompei e Torre Annunziata, dove ha conseguito il diploma di Geometra, frequentando associazioni culturali ed organizzando eventi, coltivando la passione per la musica e la poesia. All’età di venticinque anni, durante i suoi studi specialistici in Ingegneria Edile, si trasferisce a Napoli dove conosce e frequenta personaggi “romantici” insieme ai quali organizza dapprima delle jam session al Museum in largo Corpo di Napoli e successivamente un laboratorio di musica e poesia all’associazione culturale “A’mbasciata” sita in Palazzo Venezia a via Benedetto Croce, dove prende vita il suo progetto di poesie in vernacolo, che trova nella silloge “Napoli romantica” la sua completa espressione.

Chesta terra, chella ggente

Chesta terra putesse essere nu paraviso

e invece guardate attuorno, guarda comme s’è ridotta

ll’anema ‘e chella ggente, 

è pperduta, pe lloro nun putesse fa cchiù niente manco

Giesù Cristo si turnasse… 

Tutte stì ccriature ca nasceno cca, 

teneno ggià ll’anema nera, cunzumata, squarciata.

‘O putere, ‘e denare, ‘a famma,

fanno addeventà vampire, zucasango, 

e ‘o còre nnun ce sbatte cchiù dint’ô pietto. 

Addo ce âmmo annasconnere? 

Addo ce n’ âmmo ‘a fuì? 

Nunn’ ‘a putimmo vencere ‘sta guerra.

‘Sta terra fa paura, nce sta chi appartene, chi cummanna e cchi nunn’ è nnisciuno, 

e po’ nce stamme i’ e tte, e ttutte cosa 

ca ce ggira attuorno.

Tanti ccose nunn’ è assaie, 

pecchè nunn’ ‘e ppuò vedè, 

pecchè nun t’ ‘e ffanno vedè,

ma ‘o ssiente, te n’accuorge

ca chella ggente nunn’ è uguale a tte.

Napule è nu grande carcere, addo ognuno,

primma o ppo’ , ha dda scunta’ 

‘a cundanna soia. 

Comm’aggio ‘a fa’? 

Nun se stuta chesta sete ‘e libbertà,

 ‘e pace e bbene, 

ma no pe cchella ggente, 

forse chi c’è nnato tene meno colpe, 

ma chella ggente se l’ha dda vedè 

cu Ddio e Ddio sulamente.

Carmine Orofino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.