Stai in contatto

Rubriche

Buona domenica con ‘A Puisia, la rubrica di Poesie Metropolitane che dà voce ai poeti napoletani

Pubblicato

il

‘A Puisia è la rubrica poetica dell’Associazione culturale “Poesie Metropolitane” realizzata in collaborazione con Sulsud.it allo scopo di dare voce alla poesia di autori napoletani e valorizzare la nostra lingua. Ogni domenica vi presentiamo un autore associato e una sua poesia in napoletano.

Buona lettura con Francesco Scaramuzzino

Francesco Scaramuzzino è autore della silloge poetica Il viaggio di uno scugnizzo.

“Il libro è una raccolta di poesie in napoletano che scrivevo e pubblicavo su Facebook, lette e rilette da amici e da conoscenti che mi facevano i complimenti e insistevano nel volerle vedere una pubblicazione. Pubblicare un libro non è semplice, soprattutto per chi non vive di arte ma lo fa per passione. La copertina del libro non è stata scelta a caso, per chi mi conosce, sa bene cosa rappresenta. Tutti iniziamo un viaggio con una guida per non perderci nel mondo, sono stato fortunato ad avere un’ottima guida per muovere i primi passi. Il titolo: il viaggio di uno scugnizzo perché a Napoli lo scugnizzo è un Monello, con allusione a un’estrosa vivacità sbarazzina, un pò come me. Le poesie parlano perlopiù d’amore, amore per chi ci ha messi al mondo, amore per qualche donna, amore della propria città e anche di artisti che l’hanno ben rappresentata, ma anche malinconia per qualche momento perso e per chi non sa apprezzare quello che ha la fortuna di avere, guardando in basso e non verso l’orizzonte, ammirando un bel panorama in una città dove ha avuto la fortuna di esserci nato e non la merita, una città che amo, una città bella come Napoli, dall’alba al tramonto.

Francesco Scaramuzzino

Pullecenella e ‘a carrozza

Comme ‘o vulevano bbene a Ppullecenella dint’ a cchella carrozza

Chi se ‘o vasava ‘a ccà chi s’ ‘o abbracciava a llà

Chi allungava ‘a mana e sse pigliava nu poco ‘e pane

Chi purtava ‘o bbicchiére pe sse fa da’ nu poco ‘e vino

E mmo, si addumannate a ‘sta ggente che ffine ha fatto Pullecenella, nisciuno ve risponne…

‘O cerca ll’oste e ogni ttanto lle pporta nu poco ‘e vino

 ‘O va a ttruva ‘o lampiunaro e cce dà nu poco ‘e luce

Sulo ‘a guardapalazzo e ddoje capille d’oro sanno addo sta

Sanno tutt’ ‘a verità

Tre ffemmene ca ll’abbracciano e ‘o vanno ‘a truva fino â casa comme nun fosse cagnate niénte

‘O vedono diverso, cchiù tranquillo, scìso d’ ‘a carrozza

Nun tene cchiù ggenio ‘e fa tanti ffeste,

‘E sta mmiézo ô bburdello

Già n’ ha fatto tante, tra guaje e ttarantelle

Cercava na stella, chella cchiù bbella, nunn’ ‘a vede cchiù, è sparuta

Guarda ‘nciélo e ccerca n’ata stella

Ce ne stanno tante dint’a ‘stu ciélo

Sulo chello va cercanno

‘O riésto so’ ttutte fessarie…

Francesco Scaramuzzino

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.