Stai in contatto

Attualità

FEMMINICIDI COLLETTIVI / Tiziana Cantone: la rete le nega “il diritto all’oblio” e lei si ammazza

Pubblicato

il

tiziana-cantone

Ieri sera si è uccisa nella casa della madre, a Mugnano, Tiziana Cantone, la giovane donna che da più di un anno era sotto i riflettori per alcuni video girati dal suo ex amante e poi finiti in rete.

Questa storia potremmo intitolarla senza timore di essere considerati prevedibili “la terribile banalità del male”.
Un male che viene dall’ignoranza del branco e che uccide… Uccide una giovanissima donna: Tiziana Cantone.
Tutto ha inizio con un video “hot” girato nell’intimità di un incontro amoroso e che superando i confini della camera da letto e della coppia inizia a girare sul web.

Passa di social in social di sito in sito come si suol dire in maniera virale.

Ogni click, ogni visualizzazione tesse una fitta rete che stringe il collo di Tiziana che le leva aria, libertà, amicizie, la costringe ad abbandonare casa sua, la sua famiglia, il suo nome.
Tiziana chiede giustizia, si affida alla legge ma nel frattempo qualcosa muore dentro di lei, tenta il suicidio ancora e ancora fino a che stasera, si uccide impiccandosi con un foulard.

Forse dovremmo dire a noi stessi, senza timore, che quello di Tiziana é stato un omicidio corale l’abbiamo uccisa con armi che usiamo tutti i giorni:

“Si però dai farsi filmare in certi momenti…” “Le donne non hanno più moralità” “esibizionista”, ” se l’é cercata” ” aveva sicuramente dei problemi”…

Armi affilate, bastarde, al servizio del pregiudizio che non capovolge mai la prospettiva, che si ferma in superficie, che non tiene conto dei sentimenti.

Tiziana era certamente una donna come molte, con le sue fragilità, le sue convinzioni e la sua libertà. Quella che esercitava in camera da letto probabilmente fidandosi dell’uomo che l’avrebbe tradita.

Ci chiediamo però cosa sarebbe successo se al posto di Tiziana ci fosse stato un uomo che dava sfoggio delle sue capacità nell’ars amatoria.

É una domanda tendenziosa che immaginiamo possa avere una sola risposta. Niente! Non sarebbe accaduto niente di tutto ciò che ha sofferto lei, probabilmente avremmo assistito alla consacrazione di un nuovo stallone. E la questione è tutta qui, banalmente e ancora nei nostri modelli di riferimento, nella cultura “machista” che proprio in questi giorni miete un altra vittima in Calabria, una ragazzina additata da un intero paese dopo essere stata vittima di violenze sessuali per tre lunghi anni.

Ci sarebbero da dire mille cose, analizzare la questione da molti punti di vista scomodando filosofi e filosofie la verità è che in questo schifo di storia Tiziana aveva chiesto di essere dimenticata, che quei video fossero rimossi, che il suo profilo venisse chiuso in modo da poter chiudere anche lei con quegli episodi tristi. Non ne ha avuto diritto.
Perché non vi è, nella rete, diritto all’oblio e questo l’ha ammazzata.

Simona Sieno

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *