Stai in contatto

Attualità

GESTI SOLIDALI / A Napoli il cuore ha messo mascherine e guanti

Pubblicato

il


La crisi economica legata a doppio filo all’emergenza Covid-19 sta mietendo vittime silenziose in ogni regione d’Italia, e in particolare al Sud, nell’area più povera del continente. Dopo un mese di quarantena, e a ogni giorno che passa, le famiglie meno abbienti sono costrette a far quadrare i conti e stringere la cinghia pur di mettere un piatto a tavola. Già da alcune settimane, nell’attesa che i primi provvedimenti del governo si concretizzino, nei quartieri di Napoli sono spuntate a macchia d’olio decine di esperienze solidali che attraversano trasversalmente l’intera città. Dalla Pignasecca (con Lo Sgarrupato, che vi abbiamo raccontato qui) al borgo di Sant’Antonio Abate passando per i Quartieri Spagnoli e Scampia (con La Scugnizzeria) le iniziative dal basso si moltiplicano giorno dopo giorno portando con sé prebende e speranza. 

Qui Vasto

“L’emergenza sanitaria ha sconvolto la nostra vita. Sta sconvolgendo le relazioni, i rapporti, sta scavando solitudini drammatiche. A Napoli il cuore ha messo mascherina e guanti, ma non ha smesso un attimo di battere.” Gianluca Cipolletta insieme ai suoi amici Massimo Coppola e Fabio Carrotta e ad alcuni commercianti della zona, tra cui Lello&Rocco, il Boss delle Bevande e il panettiere Luca Napoleone, hanno deciso di mettersi insieme e raccogliere soldi da destinare ai più fragili, a chiunque, nel quartiere, si trovasse in difficoltà economica. Un’iniziativa partita in sordina, circoscritta agli amici e ai parenti più stretti, ma che poi, in pochi giorni, si è diffusa imprevedibilmente in tutto il quartiere, convogliando il desiderio di solidarietà degli abitanti del Vasto.

Il “Banco Alimentare” del Vasto

“Abbattiamo insieme il muro dell’orgoglio che ci divide – commenta Gianluca -, non c’è vergogna in un momento come questo a mostrarsi fragili perché solo permettendoci di metterci gli uni al servizio degli altri possiamo veramente edificare la nostra dignità. Proprio quest’oggi, alle ore 16.00 in via Tommaso Blanc, aprirà un Banco Alimentare con i proventi della raccolta di questi giorni: “abbiamo raccolto una spesa per oltre 300 persone e il nostro amico Luca sfornerà per i più bisognosi ben 250 pezzi di pane da distribuire gratuitamente.”

Qui, tra Scampia e Melito

La Scugnizzeria è la Casa degli Scugnizzi, un luogo dove la porta è sempre aperta. 140 mq di rivoluzione in periferia, tra Scampia e Melito. La Scugnizzeria è una moltitudine, è una bottega, un bazar, una Piazza di Spaccio Creativa e oggi anche una piattaforma di solidarietà dove in appena 48 ore sono stati raccolti oltre 2000 euro di donazioni da destinare alle famiglie più sfortunate: “Grazie alle Spese SOSpese stiamo sostenendo gli scugnizzi e le loro famiglie, aiutando i fratelli africani in gravi condizioni e contribuendo al Coordinamento Territoriale di Scampia. Questa foto ci emoziona, arriva da Claudio Di Pietro, giovane consigliere municipale. Lo conosciamo da 20 anni. Nonostante il coronavirus Claudio, Davide Virgilio, Mimmo Morfè, Salvatore Martelli e tanti altri, sono in strada a consegnare centinaia di buste della spesa ad oltre 250 famiglie di Scampia.”

La spesa raccolta dai volontari de La Scugnizzeria

“I fondi che abbiamo raccolto sono in quelle buste, a casa della gente che avrà la possibilità di mettere un piatto a tavola. C’è gente che telefona e chiede cibo per i propri figli, “noi adulti possiamo non mangiare, ma almeno i bambini…”

La quarantena è ancora lunga, sta per arrivare Pasqua, e per questo vi chiediamo di contribuire attraverso questo link (oppure all’IBAN IT82N0501803400000016861650 intestato a Marotta e Cafiero editori srl – Banca Etica Napoli). Tutti i soldi, fino all’ultimo centesimo, verranno spesi per le famiglie bisognose. Non c’è niente di più bello dei loro sorrisi, niente di più bello dei loro respiri di sollievo. Mentre arrivano i soldi dello Stato i bambini devono mangiare.

In IV Municipalità

E anche le istituzioni stanno facendo la loro parte, mettendo in rete attività commerciali, operatori sociali e cittadini. Nella IV Municipalità, ad esempio, è stata istituita la Spesa Sospesa: in tutti gli esercizi commerciali che hanno aderito, e che troverete pubblicati al seguente link, ognuno sarà libero di lasciare una donazione: da prodotti di prima necessità a una donazione economica.

Dopo aver fatto la donazione sarà sufficiente inviare un WhatsApp al numero 3601064792 comunicando il nome del negozio e l’entità della donazione. Gli aiuti verranno poi consegnati attraverso una rete di assistenti sociali e gli operatori della cooperativa Gesco Campania direttamente a casa delle persone segnalate o già censite dai Servizi Sociali in forza alla municipalità.

Antonio Corradini

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.