Stai in contatto

Attualità

IN DIFESA DI JOSI / Così il sistema fa cadere il sindaco di Bacoli

Pubblicato

il

josi

“La cosa sconcertante che si è venuta a palesare è che una parte della maggioranza ha creato un asse forte e solido con il centro destra. Bacoli libera e il centro destra hanno votato insieme una le mozioni dell’altra: per cercare consensi si è andati dall’altra sponda, si è andati da coloro che fino a qualche mese fa erano gli avversari, quelli che per 5 anni abbiamo contestato, quelli che ancora oggi fanno pagare alla città le conseguenze del loro governo. L’opportunismo politico è arrivato anche a questo.”

Così inizia il video pubblicato ieri dal sindaco di Bacoli Josi Della Ragione, in seguito alle sconcertanti novità emerse nel corso delle ultime due sedute di consiglio comunale, dove si è appreso di un accordo più che palese tra il gruppo “Bacoli libera” e il gruppo di opposizione del centro destra che, ricordiamo, ha amministrato la città fino allo scorso anno: distruggendola, portandola sull’orlo del dissesto e, soprattutto, venendo attaccato per cinque anni da chi oggi va a braccetto con loro.

L’ipocrisia, va ben oltre, ma è meglio fermarsi un attimo e fare una cronostoria.

Martedì 28 giugno si è tenuto, in prima convocazione, il consiglio comunale di Bacoli. Primi punti all’ordine del giorno erano una mozione del gruppo PD relativa alla ZTL del centro storico e due mozioni del gruppo Bacoli Libera, una anch’essa sulla ZTL e l’altra sulla mobilità estiva. Essendo le prime due mozioni sullo stesso argomento, si è fatta una prima discussione congiunta, arrivando poi alla decisione di sospendere il consiglio comunale per cercare, con i capigruppo, di unire le due mozioni in un testo unico e condiviso che potesse essere votato da tutti.

Dopo un’ora di discussione, le mozioni rimangono due: mentre il gruppo Freebacoli emendava la mozione del PD, il gruppo Bacoli libera decideva di non cambiare alcun punto e votare separatamente le due mozioni.

La prima mozione viene bocciata, con i voti contrari del centro destra e di Bacoli libera.

Alla seconda, accade l’incredibile: il centro destra propone un congruo numero di emendamenti, che vanno a modificare, oltre alla ZTL del centro storico (oggetto della mozione), altre 4 ZTL in tutto il paese, oltretutto con criteri insensati e non attuabili. E il gruppo Bacoli libera li accetta, procedendo a far approvare la mozione così emendata alzando la mano insieme agli ex amministratori di centro destra.

E non posso non sottolineare l’ipocrisia con cui si accusa Freebacoli di aver fatto una scandalosa alleanza col pd per aver votato una mozione emendata collegialmente, mentre si difende uno scandaloso accordo con la destra con un “ma si guarda la proposta, non chi la propone”.

Stessa cosa accade con il punto successivo, relativa alla viabilità e piena di proposte assolutamente non attuabili, pareri tecnici alla mano. Ancora una volta, la mozione passa per i voti di Bacoli libera e centro destra.

Infine, una terza conferma: nonostante in conferenza dei capigruppo di fosse deciso di continuare il consiglio comunale fino alla discussione del piano di riequilibrio (settimo punto all’ordine del giorno per volere di Bacoli libera, che nonostante l’urgenza ha preteso che si discutessero prima le loro mozioni), i gruppi Bacoli libera e centro destra vanno via INSIEME, facendo decadere il numero legale e spostando quindi il consiglio alla seconda convocazione del giorno successivo.

Seduta ancora più scandalosa della precedente, in cui i cinque “consiglieri” una volta in maggioranza con il sindaco e con lui eletti, una volta fatti i dovuti calcoli sul numero dei votanti, decidono di astenersi dal voto su modifiche di bilancio e piano di riequilibrio decennale. Non per questioni politiche, attenzione, ma per una mera presa di posizione personale contro il sindaco, in quanto ritenutisi offesi dal fatto che, il giorno prima, avesse detto che la loro mozione (che, ricordiamo, è sempre una mozione di indirizzo alla giunta comunale, e non al caposettore come loro credevano, dimostrando di non sapere neanche come funziona il consiglio comunale), pur se approvata, non sarebbe stata attuata poiché tutti i pareri tecnici erano contrari.

Ma lo scandalo non si ferma qui: dopo poco, quando il sindaco prende parola, i cinque vanno via, incapaci di ascoltare la verità e incapaci di sopportare i fischi del pubblico, che sono invece accettabilissimi quando loro li scatenano contro il sindaco: al punto che il presidente del consiglio, nel tentativo di mantenere l’ordine pubblico il giorno prima, viene addirittura definito fascista, dittatore e censore della libertà di espressione. Vanno via, ANCORA UNA VOLTA, INSIEME AL CENTRO DESTRA. Ma non finisce qui: andando via, una dei cinque di Bacoli libera arriva addirittura ad insultare una cittadina, urlandole in faccia “voi siete delle pecore”. Ovviamente il giorno prima, quando diversi consiglieri di Freebacoli gli hanno detto di vergognarsi e di essere dei voltabandiera, suddetta consigliera era la prima a voler dare lezioni di rispetto ed educazione, passando per povera vittima indifesa che veniva attaccata ingiustamente.

La cosa più scandalosa, appresa dagli interventi successivi dei consiglieri di Freebacoli, da la prova definitiva della connivenza dei cinque con la destra.

Si viene a sapere, infatti, che nel corso di una riunione di maggioranza il gruppo Freebacoli ha proposto degli emendamenti alla mozione sulla ZTL di Bacoli libera, che inizialmente non ha dato risposta perché “dovevano pensarci” e gli serviva almeno un giorno. Tali emendamenti vengono poi rifiutati, perché “due giorni prima del consiglio comunale è troppo poco per pensarci”. L’emendamento richiesto era, semplicemente, di spostare l’attuazione della mozione a dopo l’estate, per semplificare la viabilità estiva già normalmente critica.

Gli emendamenti della destra, che stravolgevano completamente la mozione, sarebbero invece stati accettati in pochi minuti. I casi sono due: o la coerenza e la dignità sono davvero venute a mancare definitivamente, oppure i due gruppi sarebbero stati in accordo da ben prima del consiglio comunale. I cinque, quindi, avrebbero deciso di non confrontarsi più con chi fa parte della loro stessa maggioranza, ma di unirsi con chi fino a un anno fa distruggeva il paese, con chi fino a pochi mesi fa era il nemico.

Nei mesi scorsi, quando nacque questo nuovo gruppo consiliare si disse che stavano dando voce a chi con tanta difficoltà si era riusciti a cacciare dalla politica bacolese. Ora, invece, è tutto più chiaro: non solo c’è la volontà di dare voce, ma c’è la volontà di unirsi con l’unico obiettivo di mettere in difficoltà l’amministrazione che tra tante difficoltà sta cercando di cambiare il territorio. Cosa che i cinque non hanno neanche gli attributi di fare: più volte il sindaco li ha esortati a presentare una mozione di sfiducia contro questa amministrazione da cui, a quanto pare, non si sentono più rappresentati. Ma loro, come delle sfingi consapevoli di essersi ormai bruciate, non si sono mossi.

Vi avevo assicurato che mai avrei accettato ricatti, noi siamo sempre pronti ad ascoltare tutti, ma mai ad accettare alcun tipo di ricatto.” Così il sindaco Della Ragione conclude il video, parlando di “Una maggioranza lacerata all’interno non da questioni di alto spessore politico, ma da un palese accordo tra il gruppo Bacoli libera ed il centro destra.

Fioccano intanto gli attestati di stima per l’operato di questa amministrazione. Egidio Giordano, del gruppo Insurgencia, esprime tutta la loro solidarietà per Josi, con il quale hanno condiviso moltissime battaglie sia in campo politico che nella lotta contro il biocidio.

Di seguito, il comunicato del Comitato Vele di Scampia e dell’associazione di volontari Ripuliamo Napoli:

Josi è un grandissimo sindaco, che con la freschezza della sua giovane età ma con un grado di maturità poco comune ha iniziato un percorso di trasformazione di quelle che sono le dinamiche politiche clientelari degli ultimi anni. Lo abbiamo invitato a Scampia e da lì abbiamo capito che è dotato di una sensibilità particolare, parlava delle vele di Scampia, del pregiudizio generalizzato che si ha nei nostri confronti come se avesse vissuto l’infanzia, l’adolescenza, insieme a noi. I suoi occhi in quel giorno hanno parlato alle nostre coscienze, per questo lo sosteniamo senza remore, senza paure. Scampia è con Josi, lo sosterremo in tutte le sue battaglie. Che i Consiglieri “scissionisti” si ravvedano e cerchino di costruire con l’attuale Amministrazione la rinascita di Bacoli, rinascita dal basso che sta passando attraverso il riscatto dei beni confiscati, dei beni comuni, della democrazia popolare. Siamo di fronte ad un bivio, far in modo che Bacoli ritorni nelle mani dei poteri forti, delle lobby, del malaffare o costruire INSIEME, sovvertendo gli schemi viziosi e riscrivendo la storia. Dal fronte dell’associazionismo impegnato ci auguriamo che questa bella storia non si fermi, che possa essere annoverata nei libri di storia e dare un futuro ai nostri, ai vostri figli, alla gente che Bacoli la ama e per Bacoli è pronta a metterci la faccia. Dialogo, costruzione, lavoro collettivo e coerenza, sono queste le armi vincenti, solo INSIEME “si può fare”. Da Scampia la vicinanza al Sindaco e all’Amministrazione per il momento complicato, un appello agli “scissionisti”: fate che i vostri nomi non siano ricordati come quelli che hanno ostacolato un processo storico senza precedenti, fate che i vostri nomi brillino di dignità e non di oscura responsabilità e mera vigliaccheria.”

Nicola Palma consigliere del Comune di Giugliano del movimento 5 stelle : ” Josi gode della mia stima, l’ ho sempre seguito dall’ inizio come sindaco. Spero si risolva la situazione nella quale si trova velocemente, perche’ possa continuare a lavorare serenamente

Ciro Corona – Associazione (R)esistenza Anticamorra :”Quanto sta accadendo in queste ore è quanto di più grave possa esserci: tradire un processo di riscatto popolare in nome e per conto delle vecchie logiche di partito e di malapolitica funzionali alle lobby di potere e ai grossi affari. Il consenso popolare ha dato un mandato ben preciso all’attuale amministrazione bacolese, portare alla rinascita Bacoli sovvertendo le vecchie logiche e riportando allo splendore una terra adorata e decantata da personaggi mitologici e storici. Il processo di rinascita non si può fermare, non si può tradire il mandato popolare alleandosi con un’opposizione ostruzionista e non costruttiva.

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.