Stai in contatto

Attualità

PER NON DIMENTICARE / Per Mariano Bottari, vittima della camorra, un concerto a Villa Fernandes

Pubblicato

il

Locandina per Mariano Bottari

Locandina per Mariano Bottari

A due anni dalla tragica scomparsa, un concerto per ricordarlo, insieme alle tante vittime innocenti di camorra, a Villa Fernandes, il 4 Luglio,alle ore 18:30, nella sua Portici, Mariano Bottari, è l’ennesimo triste emblema di come la barbarie, non conosca confini, nè latitudini.

Settantacinque anni ed una moglie invalida, fu ucciso per errore il 28 Luglio del 2014, scambiato per un imprenditore, che i camorristi avevano preso di mira, era stato freddato nei pressi della sua abitazione alla Via Scalea. Tre giorni di lutto cittadino e le tante manifestazioni anti camorra, segnarono quei tragici giorni, intrisi di sgomento, incertezza, incredulità.

Un uomo qualunque con in mano le buste della spesa, trovatosi sulla traiettoria dei colpi sparati da “esseri” indegni, mascherati da caschi integrali, riceverà  l’omaggio del Coro NoteLegali Musique Esperance, con Direttore Paolo Acunzo, Pianista Maurizio Baratta e Voce Soprano solista Giuditta Simonetti.

Tutto ciò è possibile, grazie al  Collegamento Campano contro le camorre per la nonviolenza e la legalità “G. Franciosi” ONLUS e del Presidio Libera Portici “Teresa Buonocore e Claudio Taglialatela”.

Presenti all’evento, il Presidente Limoccia, referente dell’Associazione Libera, contro le mafie, ormai in pianta stabile, nella storica villa vesuviana, confiscata alla camorra, oltre ai genitori di Claudio Taglialatela, altra vittima della criminalità e Silvana Bottari e Ciro Iacone, parenti di Mariano, con Bruno Vallefuoco, del Coordinamento familiari delle vittime di mafia.

Un evento questo, che si aggiunge a tante altre iniziative, a Villa Fernandes, che nei mesi passati ed in quelli che verranno, sono stati e saranno, un “faro” in mezzo a tanta indifferenza e paura, in una terra che reagisce ma che necessita di una spinta culturale e solidale, che faccia da “volano” in una sinergia fra popolo ed istituzioni, che deve operare in un’unica direzione, in maniera pragmatica, aggirando gli atavici lassismi di una burocrazia spesso inerte.

Alberto Guarino

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.