Stai in contatto

Attualità

L’INTERVISTA / Serroni (I Sedili di Napoli): “Ecco perché riportiamo in auge i giochi dedicati a Partenope con la Lampadoforia”

Pubblicato

il

Giuseppe Serroni, presidente dell’associazione “I sedili di Napoli” e organizzatore della Lampadoforia che parte oggi, e che arriva al terzo anno. Perché hai deciso di riportare in auge questi antichissimi giochi e che cosa erano?

L’idea del recupero e la riproposizione di questa antichissima tradizione partenopea viene da lontano. Alla fine degli anni ’70 dello scorso secolo, fondammo con avvocati, studenti e semplici amanti della Storia cittadina, una Cooperativa Sociale Teatrale “L’Atellana” sotto la guida di un allora magistrato, Pietro Lignola, grande conoscitore della Storia e della Cultura napoletana. Fu in quel periodo, quando della “grecità” di Napoli nessuno parlava che pensammo di riproporre questa “Festa” per risvegliare l’Identità sopita. Ma solo nel 2016, ad una anno dalla costituzione dell’Associazione I Sedili di Napoli, abbiamo potuto realizzare quel sogno giovanile, quando ci trovammo a discutere del nostro Centro Storico Sito Unesco con alcuni artigiani molto colti della zona di Via Tribunali, in particolare Mario Striano oggi produttore di un ottimo limoncello artigianale che ci presentò il “suo” progetto di riproposizione della Lampadoforia.

Le maggiori difficoltà di questa impresa quali sono state?

Chi assiste a questo tipo di eventi, non riesce a comprendere gli sforzi, i sacrifici, le sofferenze, a volta, che si celano dietro ad una manifestazione spettacolare ma di breve durata. Difficoltà ed ostacoli si trovano sempre in tutte le attività finalizzate alla valorizzazione del Patrimonio storico-culturale un po’ dovunque in Italia, specie al Sud, ma a Napoli, tutto diventa più difficile: ostacoli burocratici, incomprensioni da parte delle Istituzioni sul Valore non solo Culturale ma anche come volano di incremento turistico e di crescita del PIL locale, come la proposta di progetti di questo spessore, sembrano apparire quasi come una “forzatura”, se non una “seccatura”. Pur comprendendo le difficoltà economiche nelle quali si dibattono gli Enti Locali ed i vincoli sulla Sicurezza imposti da altri Organismi superiori, ci pare strano non poter contare su una condivisione e su un sostegno organizzativo e logistico maggiormente adeguati alla proposta. La Lampadoforia, infatti, non ha mai goduto in questi tre anni di contributi economici di nessun tipo e, mettere insieme centinaia di persone che provengono da posti anche lontani, ha un suo costo che la sola Associazione ha dovuto sostenere con le poche risorse economiche e personali dei Soci! Solo quest’anno, grazie al sostegno economico di un’Associazione-Impresa (Napoli Sotterranea), che ci ha garantito una copertura seppur parziale delle spese vive, si è potuto realizzare un evento che è visto soprattutto in Grecia come un evento “epocale”.

Rafforzare i legami anche turistici con la Grecia di oggi è uno degli obiettivi. Come ti sei mosso in questa direzione?

L’Associazione ha trovato terreno fertile quando ha potuto incontrare in un recente evento tenutosi a Metaponto, con importanti soggetti operanti nel campo della Informazione di massa e del mondo dei Tour Operator di Grecia. C’è un “sentimento” di Amore e Fratellanza in Grecia molto vivo nei confronti della “Magna Grecia” che subito ha fatto scattare la molla della condivisione di un progetto che può senz’altro aprire un nuovo canale di collegamento con la Grecia che può andare oltre lo scambio culturale tra Popoli affini ma che può guardare anche a sviluppi turistici e commerciali tra le nostre Terre.

Quante associazioni e persone sono coinvolte e quale sarà per te il momento più importante della tre giorni?

Questa terza edizione vede, per la prima volta, una nuova sinergia tra Associazioni locali che pur condividendo le stesse finalità non si erano ancora trovate: I Sedili di Napoli ed Amartea, oggi hanno avviato una nuova strada comune ed intorno a queste realtà tutte partenopee, con lo sguardo rivolto già alle Universiadi del 2019, si sono aggregate decine di altre Associazioni Culturali e Gruppi di Rievocazione Storica, basta guardare la locandina dell’evento per rendersi conto della vasta Rete che si è in poco tempo riannodata. Anche il mondo “accademico” ha voluto maggiormente collaborare con il convegno della giornata finale, organizzato dalla Società Filellenica Italiana, presiediuta dal prof. Marco Galdi e dalla Comunità Ellenica di Napoli, presieduta da Paul Kripianou, che vedrà dialogare, sul “Folclore” e sulla “Rievocazione Storica”, personalità importanti come l’antropologo Domenico Scafoglio, il Direttore dell’Accademia di belle Arti, Giuseppe Gaeta, le professoresse Jolanda Capriglione e Maria Teresa Moccia ed il Persidente dell’ISAMG, Aldo Siciliano. Tutti i “sottoeventi” hanno una loro valenza ma è evidente che l’evento più spettacolare e che maggiormente coinvolgerà la Città ed i turisti è il grande Corteo in abito storico che vedrà sabato la partecipazione di oltre 250 rievocatori, unitamente alla Corsa con le Fiaccole che vedrà quest’anno oltre 150 “atleti” correre sul Lungomare.

La storia e l’identità si recuperano anche con queste rievocazioni storiche e perché?

Il recupero delle antiche Feste e Tradizioni, a nostro parere, sono altamente didattiche perché, intorno a manifestazioni apparentemente solo spettacolari, si svelano quelle pagine di Storia sconosciute o dimenticate. Il riappropriarsi delle proprie Radici, può innescare così un processo di risveglio della Coscienza collettiva e rinsaldare legami anche interpersonali spezzati; ricomporre una coesione sociale ed aprire le menti delle nuove generazioni su cosa si è stato, cosa si è e su cosa si può tornare ad essere. Girando per il Centro Storico più grande del mondo, ci meravigliamo ed indigniamo dello scempio che i nostri giovani fanno del Patrimonio Architettonico ed Artistico cittadino ma ciò manifesta “l’ignoranza” o la non consapevolezza della propria Identità. Eventi che proponiamo sotto questa forma possono sicuramente contribuire ad una rinascita morale ed ad una nuova Coscienza sociale.

Dopo la Lampadoforia c’è il corteo dei Sedili per San Gennaro. Ci anticipi qualcosa?

C’è un filo logico che unisce la Rievocazione della Napoli greca con il Culto per San Gennaro: la forma amministrativa e devozionale che dalla fondazione e fino alla caduta dell’Impero Romano, faceva di Partenope e di Neapolis, una Città “anomala” ed era il “sistema” delle Fratrie. Nel Medioevo poi a questo “sistema” si sostituisce, con una continuità tutta partenopea quello dei “Sedili” o “Seggi” e, pertanto, dopo la Lampadoforia è consequenziale la rievocazione di quel famoso “Patto” che nel 1527 fu sottoscritto dalla Città, per il tramite dei Sedili, con il Santo Patrono. Su “Identità Insorgenti” ancora oggi, a distanza di due anni, continua ad avere successo il video in diretta della prima edizione delle rievocazione che realizzammo on occasione del miracolo autunnale e che fu possibile realizzare con la partecipazione di circa 150 “figuranti”. Quest’anno grazie al rinnovato partenariato con l’ASTC (Associazione Sbandieratori Trombonieri e Cavalieri) di Cava de’Tirreni e con l’Associazione Rievocatori Storici Fantasie d’Epoca di Napoli, proporremo, il 16 settembre, una seconda edizione della rievocazione “1527 quando Napoli fece il Voto a San Gennaro” che sarà arrichita di un numero mai visto prima a Napoli di rievocatori in abiti rinascimentali e che presenterà nuove e più belle sorprese, ovviamente con Identità Insorgenti, sempre come Mediapartner.

Lucilla Parlato

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.