Stai in contatto

Sport

MARADONA DAY / Genesi di Diego, all’origine del mito tra genio e generali

Pubblicato

il

Troppo simili Maradona e Napoli per non amarsi. Troppo sofferenti le loro anime per non scegliersi e prendersi per mano, salendo insieme sul tetto del mondo. Quella di cui vi vogliamo parlare, però, è la storia di Diego prima del mito. La storia della sua genesi, fatta di genio e generali, vissuta intrappolato tra dittature e primi eccessi.

Una storia che incomincia a Barcellona, il giorno cinque del mese di Giugno 1982. Nella città si abbatte una delle ondate di caldo più violente degli ultimi tempi. Il sole cocente non tange tanto l’anima dei catalani, che viaggia invece tutta da un’altra parte.

Tra poche settimane si giocherà il Mondiale, proprio a casa loro. Lo stato spagnolo ha appena sventato il tentativo di golpe del colonello Tejero, ma l’organizzazione terroristica ETA continua a destare paura (e lo continuerà a fare per tutta la rassegna iridata). Le furie rosse sono guidate dal CT Josè Santamaria e dall’attaccante Jesús María Satrústegui. La punta centrale della Real Sociedad viene preferito al capocannoniere della Liga, ‘El Brujo Quini’, che l’anno precedente è stato vittima di un sequestro durato venticinque giorni. La Spagna finisce in un girone agevole, con Honduras, Jugoslavia e Irlanda del Nord.

Quel giorno di Giugno 1982, arriva anche un’altra notizia che fa sognare ancora di più i catalani. Il quotidiano Marca annuncia che il ventiduenne Diego Armando Maradona lascerà il Boca Juniors per diventare un giocatore blaugrana.

In dribbling contro i golpisti

La trattativa era durata ben due anni.

Il primo tentativo risale al 1980. A bloccare il trasferimento, però, intervenne la giunta militare argentina dell’Hitler della Pampa, Jorge Videla, alla guida del paese dal 1976 con un colpo di stato che rimosse il governo democratico di Isabelita Peròn. Quegli anni rappresentano le pagine più brutte e buie della nazione, segnate da crimini contro l’umanità, dal sangue versato dai desaparecidos e dai vuelos de la muerte, che trasformarono il Río de la Plata tra l’Argentina e l’Uruguay in un vero e proprio cimitero a cielo aperto.

Jorge Videla decide di mettere le mani sul calcio perché si rende conto che è l’unico mezzo davvero capace di distrarre la popolazione dagli atroci atti compiuti. Dopo il mondiale pilotato per fini di propaganda del 1978, il sanguinario generale decide di prendere il controllo anche della carriera di Maradona. Videla sa che Diego è più di un giocatore e, seppur giovanissimo, rappresenta già un’icona per tutti gli argentini.

Va spesso a fare visita alla sede del suo club, l’Argentinos Juniros, per assicurarsi che tutto andasse secondo i piani. El Semillero, però, attraversa una profonda crisi economica e la cessione di Maradona è una buona occasione per risanare i debiti. Carlos Lacoste, esponente della giunta militare come contrammiraglio della marina, diventa consigliere amministrativo del River Plate e vuole a tutti i costi Diego nel club.

Ma il sangue del Pibe avanza nella direzione opposta. Non ha mai fatto scorrere la storia così come doveva andare. Lui, il barrilete cosmico, è nato per cambiarla e indirizzarla. Diego sceglie allora di giocare per il Boca Juniors, rivale storico del River e squadra del cuore di suo padre. Non solo disobbedisce al regime, ma lo sconfiggerà, vincendo il campionato 1981 e riportando il titolo nazionale alla Bombonera a distanza di cinque anni dall’ultima volta.

Sangue ‘sudaca’

Il passaggio di Maradona dall’Argentinos Juniors al Boca era però avvenuto con la formula del prestito, lasciando la possibilità agli Xeneizes di riscattare il cartellino l’anno seguente. La crisi economica che colpisce l’Argentina non risparmia nessuno e attanaglia tutti i gruppi sociali. Perciò, nonostante il campionato vinto, il Boca non può permettersi di pagare il trasferimento di Maradona.

La cessione all’estero diventa così l’unica soluzione. Omar Sivori aveva precedentemente segnalato la vicenda a Gianni Agnelli. Pur non vivendo un periodo economicamente felice, l’avvocato prova lo stesso a portare in bianconero il più talentuoso giocatore argentino di sempre. E ci proverà non solo quella volta, ma per tutta la vita. “L’avvocato Agnelli aveva un grosso problema con la Fiat – confesserà poi Diego – e acquistare un giocatore come me, con quello che costavo, poteva far restare male tutti gli operai della Fiat e non ne abbiamo più parlato. Sono rimasto in Argentina”.

Sulla scena piomba allora il Barcellona, che sborsa un miliardo e duecento milioni di pesetas spagnole e porta Maradona in Europa. Diego lascia così l’Argentina e la Primera Division, con un bottino di 144 gol in 206 partite, un titolo nazionale in bacheca e ben cinque da capocannoniere in altrettante stagioni. E la sua carta d’identità non segna ancora 21 anni.

Genesi napoletana

Quell’estate del 1982, il Mondiale gli spagnoli lo falliscono miserabilmente. Pareggiano con l’Honduras 1-1 e riescono a passare con soli tre punti alla fase successiva, per poi essere eliminati nel secondo girone da Germania e Inghilterra.

Non è un bel Mondiale nemmeno per ‘El Pelusa‘.

L’Argentina non va oltre il secondo girone eliminatorio formato da Brasile e Italia, quest’ultima vincitrice per la terza volta della coppa. Diego esce di scena proprio contro i verdeoro, guadagnandosi un’espulsione nei minuti finali della partita per un calcione a João Batista, futuro calciatore di Lazio e Avellino.

Lo stesso epilogo avverrà anche con il Barça, nella maxi-rissa in finale di Coppa del Re, al Santiago Barnabeu di Madrid, contro l’Athletic Bilbao. Il peso delle critiche della società e dei suoi tifosi, Diego non lo regge a lungo. Barcellona non è mai stata casa sua. Ingabbiato da una cultura che definisce quelli come lui ‘sudaca’, un maledetto sudamericano. Una maledizione che ha marcato stretto il suo talento: prima un’epatite virale e poi una caviglia distrutta, che lo hanno fatto stare lontano dai campi per diversi mesi. Nel mezzo, una storia di eccessi in una città che mai lo ha accolto e mai si è sforzata di farlo.

Fu l’epilogo della genesi e l’apripista alla nascita del mito.

Di quella storia che porterà Diego a Napoli, di un Re che incontrerà la sua Regina. Un diamante grezzo divenuto oro colato, patrimonio artistico e simbolo identitario di un popolo intero. Perché se Napoli è forgiata dal sacro e profano, allora possiamo dire che dopo i miracoli di San Gennaro ci sono le magie di Diego Armando Maradona.

Luigi Pellegrino

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.