Stai in contatto

Attualità

SFRUTTATI & SFRUTTATORI / A Bassano si indaga su 2700 stage con l’inganno offerti a ragazzi meridionali

Pubblicato

il

camerieri sfruttati

Com’era quel luogo comune? Quello secondo il quale al Sud i giovani lavoratori sarebbero sfruttati e sottopagati?

Al Sud, eh…in effetti, bisogna capire cosa si intende per Sud. Perché anche Bassano del Grappa si trova a Sud di qualcosa. E, se è così, il luogo comune è più che salvo.

Lo sanno bene quei poveri studenti-lavoratori, provenienti da Puglia, Calabria, Campania, che si sono trovati a lavorare per due società con residenza fittizia a San Marino e in Svizzera. Ecco, a ben guardare qualcosa di meridionale c’è, in effetti. Gli sfruttati.  I 2.700 studenti, di cui alcuni minorenni, tutti assunti per mansioni alberghiere ma impiegati, molto spesso,  per fare altro. Il tutto, per la lauta somma di 60 euro alla settimana.

Le indagini della Guardia di finanza di Bassano del Grappa, con la Direzione territoriale del lavoro di Vicenza, hanno scoperchiato il vaso di Pandora. In sostanza, il reclutamento avveniva direttamente presso gli istituti scolastici che, secondo l’iter formativo, prevedevano stage e tirocinio presso strutture alberghiere.

A questo punto, come riportato dagli inquirenti, «si inseriva in modo del tutto illecito un intermediario che provvedeva, dietro pagamento, a fornire gli studenti a ristoratori e albergatori. A quel punto non si poteva più parlare di rapporto scuola-lavoro, ma di rapporto di lavoro vero e proprio. In nero”.  I reclutati, poi, erano obbligati a “sottoscrivere a ristoratori e albergatori una “lettera d’incarico” con la quale veniva definito l’impiego, per un periodo determinato, di un numero di studenti occorrenti alle strutture. L’importo veniva poi riportato nelle fatture emesse dalle due società, falsamente residenti all’estero, evadendo però le imposte dirette e l’Iva”.

Tutti del Sud, come dicevamo.

E le aziende coinvolte, più di 80, tutte del centro-nord: Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Toscana…

Il problema, adesso, sarà farlo presente ai vari opinionisti che, quotidianamente, si lanciano in improbabili indagini sociologiche sull’ endemica tendenza al malaffare dei meridionali.

Problema serio. Si rischia di ribaltare tutto. Ma, grazie al cielo, sappiamo che nessuno in TV e sulle prime pagine della “stampa nazionale” racconterà questa storia, attentando (scusate il verbo…) alla stabilità mentale dell’italiano medio, così al sicuro nel suo mondo fatto di terroni cattivi e mafiosi e nordici biondi, con gli occhi chiari e ligi al dovere.

 Drusiana Vetrano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *