Stai in contatto

NapoliCapitale

STORIA DI UNA CAPITALE / Un viaggio nella terra del mito

Pubblicato

il

Nel nostro primo incontro abbiamo sfiorato una serie di circostanze e di eventi che saranno concausa della nascita della nostra città. Dobbiamo ora partire da un’epoca remotissima, quando la nostra terra si trovava ancora nella fase finale del bronzo e cominciava a diffondersi l’uso del ferro. In quei tempi lontani nel lato opposto del Mediterraneo, nell’area dell’Egeo e della penisola ellenica avviene un fenomeno epocale. Nel giro di pochi decenni a partire dall’VIII sec. a.C. ad ondate successive decine di migliaia di persone migrano in massa verso Occidente ed Oriente.

Erano in maggioranza uomini, alla ricerca di un nuovo spazio vitale, di nuove terre da colonizzare, spesso in fuga per motivi di reale sopravvivenza, talvolta fuggivano da una tirannide dominante che non accettavano. Sembra strano pensare che la penisola ellenica e le isole dell’Egeo non potessero offrire rifugio e speranze di esistenza a nuove popolazioni, ma in realtà era proprio così, non c’era spazio per una espansione demografica nella maggior parte di quei luoghi per lo più inospitali, dove l’interno era aspro ed arido, dove le coste erano per la gran parte già sotto il controllo delle popolazioni rivierasche, dove le possibilità di commercio erano limitate da questi fattori.

Dove andare? In quell’epoca remota si viaggiava prevalentemente per mare, sottocosta per evitare il largo troppo pericoloso per quelle piccole navi. A viaggiare via terra non se ne parlava proprio, troppi ostacoli anche geografici, troppe popolazioni ostili. E portarsi dietro viveri e vettovagliamenti era un problema insormontabile. Si sceglieva sempre il mare, quel mare che agli occhi dei più ardimentosi evocava sogni di libertà, nuove avventure e nuova vita.

Molte le direzioni prese. Alcuni si diressero verso Est, verso l’odierna Turchia colonizzandone le coste. Altri raggiunsero Creta e Cipro. Altri ancora osarono di più, affrontarono il mare aperto verso Ovest seguendo antiche leggende, seguendo le favole di racconti preellenici ancora più antichi. Cercavano Esperia, la favolosa terra del tramonto, altri dicevano Enotria, la mitica terra del vino patria di Dioniso. Partirono in tanti alla ricerca di quel mito, lasciando la loro terra e le loro famiglie dietro di sé, il loro unico vero bagaglio era la voglia di avventura, la sete incoercibile di nuove conoscenze e nuove possibilità.

Inconsapevolmente stavano gettando le fondamenta della civiltà occidentale, stava nascendo l’uomo moderno. Molti non raggiunsero mai la loro meta, molti altri invece riuscirono a circumnavigare la Sicilia, altri addirittura a passare nello stretto. Nacque la terribile leggenda di Scilla e Cariddi.

Videro finalmente terra e i loro occhi si illuminarono quando capirono che il Sole tramontava sul mare. Il loro viaggio era terminato. Sì era proprio lei, non erano favole i racconti degli antichi, quella terra mitica esisteva davvero, era Esperia, la terra del tramonto.

Quelle antiche genti però non seguivano unicamente i miti, le antiche leggende favoleggiavano non solo di Poseidone o di terribili mostri marini ma anche di sale e di ferro ed anche in questo i racconti tradizionali avevano molto di vero. Ben presto i nuovi colonizzatori si resero conto che quella terra avrebbe offerto loro le possibilità che cercavano.

Si trovavano infatti nel bel mezzo di una rotta che non conoscevano ma che sarebbe diventata vitale per loro, una rotta antichissima, quella del ferro dell’isola d’Elba. A causa di ciò avrebbero conosciuto i mercanti fenici e avrebbero conosciuto e poi aspramente combattuto un popolo di cui ignoravano l’esistenza, gli Etruschi. Trovarono finalmente un’isola non troppo distante dalla costa, vi sbarcarono e la chiamarono Phitekoussai, l’isola delle scimmie. Quasi contemporaneamente fondarono sulla terraferma di fronte all’isola la loro colonia di popolamento, la chiamarono Kyme, Cuma. Fu la prima colonia greca d’Occidente, intorno al 760 a.C.

Quelle genti portarono con sé non solo le armi e le speranze ma anche le loro leggende e i loro miti. In quel cielo credettero di sentire la voce di un dio e videro una sirena precederli nello sbarco.

La videro morire su una spiaggia deserta.

Tutto nasce qui. Noi che leggiamo di queste leggende siamo l’unica ragione per la quale essi sono vissuti.

Enzo Di Paoli

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.