Stai in contatto

Cultura

Sulle luci di Natale a Napoli sembriamo le rane di Chomsky

Pubblicato

il

L’opinione di Sarah Galmuzzi, che gestisce la pagina fb “L’arte contemporanea raccontata ai bambini”.

Il Natale e il regalo della Camera di Commercio di Napoli

Il Natale quando arriva arriva diceva quel vecchio spot e a Napoli quest’anno è arrivato un poco prima, sì che la Camera di Commercio ci ha regalato sin dalla fine di ottobre lo spettacolo di vibranti luminarie che scaldano i cuori e invogliano al consumo.

Chilometri di fili elettrici che si snodano ad accendere figure chiamate a riproporre uno scenario fiabesco, far sognare, emozionare.
Questo nelle -suppongo buone- intenzioni di chi le ha progettate.

Ma le luminarie sono “incontrovertibilmente irricevibili”


La verità è che le luminarie-incontrovertibilmente irricevibili- delle quali è invasa la città e le cui immagini saltano di bacheca in bacheca, di chat in chat, sono diventate una barzelletta, ma una barzelletta che non fa ridere.


Perché rappresentano l’ultimo atto – in ordine di tempo- di una chirurgica delegittimazione estetica e culturale di cui Napoli è vittima da un decennio.


Da Nalbero al Castoro con gli sci

Personaggi di manifattura scadente, pensati male e fatti peggio, figure grottesche, suggestioni ambigue: l’orsacchiotto, il pupazzo di neve, la slitta, babbo natale, palle infiocchettate e bastoncini di zucchero, IL CASTORO CON GLI SCI -che nella mia personalissima classifica rappresenta il punto di non ritorno- sono oggetti senza vergogna che trovano il giusto spazio accanto alla casetta degli elfi che qualche anno fa troneggiava a Piazza Dante, all’indimenticabile Nalbero del lungomare liberato, perfino al feto incatenato di Jago che si è ingenuamente, inadeguatamente, imposto in una piazza Plebiscito rispetto alla quale era drammaticamente fuori target.

Senza dimenticare Jago autoproclamatosi Imperatore


Azzardato Jago, ma certo non privo di un certo sense of humor: “La mia opera vale un milione di euro” ha dichiarato lo scorso anno lo scultore. Solo Napoleone ha fatto meglio autoproclamandosi imperatore.
Ma la domanda è solo una: perché?


Perché quella piazza che per anni con le sue monumentali installazioni ci ha fatto assaporare il gusto della sprovincializzazione è finita -e con essa tutta la città- in mano ai barbari?

Un investimento cospicuo affidato a chi non ha buon gusto

Che non ci si appelli alla mancanza di fondi: in questo caso l’investimento è stato cospicuo, soldi ce n’erano: e allora perché non affidare il progetto a qualcuno che quando a scuola spiegavano il buon gusto non era a casa col morbillo?


Troppo facile imputare le colpe al singolo, le responsabilità all’associazione di turno, la sciagura al caso.


La statistica è una scienza abbastanza esatta: se negli ultimi anni tutto quello che di brutto poteva essere fatto, È STATO FATTO, non può essere una coincidenza.

Circondarsi di mediocrità è il nuovo standard


Circondarsi di mediocrità è il nuovo standard.
Rinunciare all’armonia, alla visione, alla bellezza.
Sottrarre opportunità di evoluzione, crescita, critica, riflessione, dubbio.
In altre parole: normalizzare l’orrore.

Normalizzare l’orrore: il perché ce lo spiega Chomsky


Questo è quello a cui assistiamo inermi da un decennio e il perché ce lo spiega Chomsky:
“Immaginate un pentolone pieno d’acqua fredda nel quale nuota tranquillamente una rana. Il fuoco è acceso sotto la pentola, l’acqua si riscalda pian piano. Presto diventa tiepida.

La rana la trova piuttosto gradevole e continua a nuotare. La temperatura sale. Adesso l’acqua è calda. Un po’ più di quanto la rana non apprezzi. Si stanca un po’, tuttavia non si spaventa. L’acqua adesso è davvero troppo calda. La rana la trova molto sgradevole, ma si è indebolita, non ha la forza di reagire.

Allora sopporta e non fa nulla. Intanto la temperatura sale ancora, fino al momento in cui la rana finisce – semplicemente – morta bollita. Se la stessa rana fosse stata immersa direttamente nell’acqua a 50° avrebbe dato un forte colpo di zampa, sarebbe balzata subito fuori dal pentolone”.

Siamo circondati da pornografia illuminotecnica


Chomsky applicato alle luminarie significa più o meno che quando ci accorgeremo di essere circondati dalla pornografia illuminotecnica (magari fosse solo quella) sarà troppo tardi per uscirne.
Significa che nessuno ci ha dato -nessuno ci ha voluto dare- gli strumenti per distinguere il bello dal brutto, il giusto dallo sbagliato.

Significa che ancor prima della bellezza, quello che vogliono strapparci è la capacità di fermarci e pensare, di farci domande e cercare risposte, di essere parte di un progetto di ampio respiro.

Se restiamo indifferenti abbiamo perso tutti

Significa che è più facile gestire la narrazione di una città che si esprime attraverso le pizze fritte che quella di una città che produce cultura, significa che, come ci ricorda Oscar Wilde “Per acquistare popolarità bisogna essere una mediocrità”.


Significa che abbiamo perso, e abbiamo perso tutti, solo che non tutti se ne sono accorti chè goccia dopo goccia siamo finiti drammaticamente bolliti.

Sarah Galmuzzi

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *