Stai in contatto

Cultura

Videogiochi: guida galattica per genitori

Pubblicato

il

“Ieri stavo giocando a Super Mario, oggi stavo saltando in testa a mia madre”

Una guida per genitori che non capiscono

Ormai mi sono stancato. Stanco di dover perorare una causa contro delle persone che il videogioco non l’hanno mai vissuto davvero. Forse ci hanno provato, ma nel modo più sbagliato. In troppi articoli, anche sui quotidiani nazionali, si parla di genitori impazziti, di figli che giocano a videogiochi violenti, delle passeggiate in bicicletta che non esistono più, dei bei tempi che furono. Mentre in realtà si pecca solo di una grossa ignoranza nel campo videoludico.

Prima di iniziare però, scrivo questa breve premessa, da giocatore a genitore. Ho iniziato a “videogiocare” nei primi cabinati che aveva un mio zio nel suo bar. Sono cresciuto a cavallo fra i cabinati, snes, nes, sega mega drive e quella che poi sarà una pietra miliare di inizio millennio, la ps1.

Il mondo dal gaming è oggi molto diverso da quello che io, anni fa, conobbi per la prima volta. Si è evoluto, come tutte le cose, in meglio e in peggio. Se ho voluto scrivere questa guida non è per scrivere un semplice vocabolario dei generi dei videogiochi ma per tentare di dare una bussola a tutti quei genitori che si ritrovano ad affrontare l’argomento con i propri figli.

Nella libertà di lasciar sbagliare i nostri figli, il ruolo del genitore è quello di fornire loro quelle competenze che, nel tempo, saranno la base di partenza per scelte critiche e ponderate

I videogame non sono un pericolo

Se i genitori conoscessero più spesso il mondo videoludico, forse potrebbero parlare meglio il loro linguaggio, aiutarli nelle scelte e, perché no, stare con loro un po’ di tempo, in un modo che certamente gradiscono. Non fatevi fuorviare da articoli scritti da persone che non distinguono un pad da una caffettiera, i videogames non sono un pericolo, ma una risorsa e, come tutte le risorse, devono essere utilizzate in modo intelligente, per evitare che vadano sprecate. Conoscere i “generi” significa essere consapevoli di ciò che i nostri figli giocano, vivono e, a volte, rischiano. Questa guida, divisa in due parti, vuole essere proprio questo: una “guida galattica” dei videogiochi per tutti, così da lasciar spazio alla ricerca personale e alla curiosità.

Insert Coin: iniziamo

Come per i libri, le macchine, le epoche e tutto quello che volete, anche i videogames possiedono delle categorie in cui inserirsi, i “generi”, appunto. Alcuni giochi non sono semplici da catalogare, poiché possiedono tratti misti: un po’ di azione, senza però tralasciare un’avventura, oppure un gioco GDR a sfondo sportivo.

I generi hanno delle caratteristiche ben precise, uniche se vogliamo, che aiutano noi giocatori a orientarci in questo mondo sempre più complesso e, ahimè, sempre meno “curato” per certi versi.

Il Pegi

Caro genitore, prima cosa da controllare in un videogioco, il Pegi. Questo cosa con nome arcano non è altro che il sistema di classificazione in base all’età PEGI (Pan-European Game Information – Informazioni paneuropee sui giochi) che serve appunto a prendere decisioni informate sull’acquisto di videogiochi. La classificazione presente su un gioco conferma che esso è adatto a giocatori di età superiore a quella indicata. Di conseguenza, un gioco classificato come PEGI 7 è adatto solo a bambini di età superiore a sette anni e un gioco classificato come PEGI 18 è adatto solo ad adulti di 18 anni e oltre.  Quindi se vostro figlio\nipote di 11 anni vi chiede Mortal Kombat, un picchiaduro splatter PEGI 18 la cui mossa finale meno cruenta è suonare il cranio dei nemici come un tamburello alla notte della taranta la risposta è no.

I picchiaduro

Il genere picchiaduro è essenzialmente la semplice competizione nei combattimenti. Il genere nacque con le sale giochi in cui si poteva avere la modalità arcade o il competitivo in due. Ad oggi abbiamo due sotto categorie, i picchiaduro arcade e quelli misti ad altra tipologia, il Gdr.

Non adatti ai più “giovani”, con Pegi abbastanza elevato, nella prima tipologia impersoneremo un personaggio che semplicemente deve corcare di mazzate con mosse segrete, combinazioni di tasti, mosse finali, un nemico diverso ogni volta. Ottimo se avete avuto una giornata dura e volete sfogare. Nell’ipotesi “mista” invece, avete un personaggio, a volte da crescere come Titan Quest o Diablo, che vaga per livelli più o meno lineari col solo scopo di corcare di mazzate orde di mostri/nemici. Ottima “Rigiocabilità” e buono per giocare in due o più.

p.s potrebbe far finire amicizie.

Giochi Di Ruolo- GDR (o RPG nella versione inglese)

Per me questo paragrafo urla a pieni polmoni Skyrim, ma andiamo con ordine.

il genere Gdr è quasi sicuramente quello più tattico e in cui usare la testa. In linea generale i Gdr sono giochi che ti permettono di “allevare”, “allenare” il tuo eroe (da solo o in gruppo) grazie a combattimenti di vario genere. Per ogni vittoria, si acquisisce esperienza che fa salire di livello e, per ognuno di essi, si ottengono attributi migliori, magie o abilità nuove, oltre a comprare armature/armi/accessori sempre più potenti. Eh si, esiste un fiorente mercato di gente che nei Gdr ad abbonamento su internet (come World of Warcraft), “cresce” il proprio PG per poi venderlo a prezzi esorbitanti ad altri.

Questi videogiochi per le loro trame epiche e complesse, i combattimenti ponderati e le mille strategie a cui pensare (bisogna scegliere con cura quali abilità o magie da attivare man mano che si sale di livello) non sono considerati troppo giochi per new entry. Volendo fare una distinzione generale abbiamo Gdr“a turni”, come Final Fantasy, nei quali si attacca uno alla volta in turni prestabiliti, oppure in “tempo reale” come appunto Skyrim.

p.s maneggiare con cura e con tempo “limitato”: dopo un pò potreste vedere i draghi anche sul lungomare.

Fine prima parte

Aniello Napolano

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.