Stai in contatto

Attualità

DISAGIO MINORILE / Cooperative sociali e famiglie a confronto a Giugliano

Pubblicato

il

Il Congresso sul Disagio Minorile a Palazzo Palumbo a Giugliano

Il Congresso sul Disagio Minorile a Palazzo Palumbo a Giugliano

E’ nel segno della “mobilitazione”, che si è aperto il congresso a Palazzo Palumbo di Giugliano, imperniato su quel disagio minorile, che oggi più che mai deve essere affrontato, in tutte le sue peculiarità, con nuove  sinergie e la collaborazione di tutti; è questo l’auspicio del Dott. Giovanni Leonardi presidente delle Cooperative NADIR e Mondo in Cammino, organizzatore di un evento che sarà destinato a ripetersi nel tempo, allo scopo di affrontare questa complessa problematica che investe la vita dei tanti e dimenticati bambini in difficoltà, e con essi, le loro famiglie.

“Un bisogno diverso da soddisfare – prosegue Leonardi – e soprattutto il saper intercettare le diverse esigenze, con l’implementazione di strumenti adeguati, per gestire realtà spesso sottovalutate”, sono questi, gli elementi cardine, su cui poggia il lavoro delle due Cooperative di cui lo stesso Leonardi è presidente.

Tra i relatori, coadiuvati dal moderatore  Giovanni Russo la Dott.ssa Teresa de Carlo, psicopedagogista, l’Avv. Raffaele Pacilio, da anni impegnato nel recupero dei bambini a rischio povertà, il presidente dell’Associazione “Tutti a Scuola Onlus” Toni Nocchetti, la Dott.ssa Anna Nocerino, psicologa della Cooperativa “Mondo in Cammino”, ed il presidente del Consiglio Comunale di Giugliano Dott. Luigi Sequino, in vece del Sindaco Antonio Poziello che non ha potuto presiedere.

Il Congresso si apre con la toccante testimonianza della signora Fausta Santoro, che ha raccontato l’odissea del nipote Francesco di 7 anni, autistico, vittima di un ritardo di diagnosi, come tanti altri bambini con la stessa problematica, ma vittima soprattutto di una burocrazia farraginosa e talvolta inconcludente, in quanto, “bisognerebbe creare una rete di aiuti per questi bambini, partendo dalla famiglia – afferma la signora Fausta – per poi proseguire con la scuola e tutte le altre realtà sociali, in un contesto di accoglienza”.

Le difficoltà illustrate dalla Dott.ssa De Carlo, sembrano talvolta insormontabili; gli 884 bambini diversamente abili, che l’anno scorso sono stati assistiti da lei e dai suoi collaboratori, sono il sintomo di un fenomeno che cresce sempre di più.

“Nel solo periodo 2014/2015, – prosegue la Dott.ssa De Carlo – ci sono state 170 segnalazioni, il 7% in più rispetto al periodo 2013/2014, e ciò deve farci riflettere sul fatto che non solo le ASL possono essere investite da un tale onere, ma anche gli altri enti”.

L’Avv. Raffaele Pacilio, da anni impegnato nel sociale, ha poi dimostrato come si possa, tra mille difficoltà, portare avanti con volontà e tenacia, un programma di recupero, per quei ragazzini a “digiuno di conoscenza”, ed ha portato la testimonianza di 6 ragazzini rom che oggi frequentano la scuola, in barba ad ogni pregiudizio, “abbattendo i muri dell’indifferenza, del distacco razziale, e dicendo alla gente di uscire fuori allo scoperto, pur con tutte le difficoltà burocratiche ed economiche ormai ataviche”.

Proseguendo nella serata, la Dott.ssa Anna Nocerino, ha illustrato nello specifico, quelli che sono gli obiettivi delle Cooperative Mondo in Cammino e NADIR, nell’ambito dell’assistenza specialistica e domiciliare, nonchè nell’ambito della collaborazione con strutture convenzionate; obiettivi fondamentali per coadiuvare e supportare quell’immane lavoro di sostegno per ciò che concerne le criticità quotidiane che ogni giorno si devono affrontare, con un costante monitoraggio allo scopo di migliorare il servizio sul territorio.

Un esempio lampante ce lo ha portato il Presidente dell’Associazione “Tutti a Scuola Onlus” Dott. Toni Nocchetti, in merito a come si spendono i soldi oggi.

“Nel nostro paese, spendiamo per prodotti cosmetici e cure di bellezza, circa quattro volte quello che spendiamo per tutte le disabilità”; Nocchetti pone inoltre l’accento su come la legge di stabilità, oggi ha destinato soldi, ancora una volta allo scopo d’implementare la presenza di ulteriori aperture concernenti le “sale scommesse” sul territorio, “quando ciò che nonna Fausta chiede e giustamente pretende costituzionalmente sono: A) Diagnosi precoce, B) Adeguatezza  delle cure, C) Livelli essenziali di assistenza”.

Guardare avanti e pensare a ciò che ancora si deve fare, piuttosto che descrivere ciò che si è fatto, e’ questo il modus operandi che Nocchetti vuol divulgare con la sua associazione, un modo per non fermarsi mai guardando sempre al futuro, con serietà; di qui il suo richiamo anche alle parrocchie, affinchè s’impegnino ad organizzare eventi con ragazzini disabili o in difficoltà, così come per le scuole, le cui classi non dovrebbero superare le 15 unità per garantire un’adeguato strumento d’insegnamento, da parte degli insegnanti, ma soprattutto la presenza di non più di un ragazzino disabile per classe, affinchè quell’unico bambino per classe diventi il “motore di sviluppo per i suoi compagni, perchè la disabilità – prosegue Nocchetti –  è una condizione esigente che esige una società evoluta, ed il bambino disabile deve avere, quando esce di casa, tutti papà e mamma che lo guardano, in quanto, o si vince tutti insieme o perdiamo tutti, non si vince da soli sulla disabilità”.

Con questi auspici, il Presidente del Consiglio Comunale di Giugliano, Dott. Luigi Sequino, ha mostrato l’impegno da parte dell’Amministrazione comunale ad affrontare volta per volta, i diversi casi che si prospetteranno, rispondendo anche a quelle richieste espresse da alcune mamme che vivono costantemente questo disagio, insieme ai propri piccoli.

Dalla disabilità, all’indigenza,  quello che è lecito aspettarsi è che ai buoni propositi, seguano quei fatti che potranno concretizzarsi, solo con le necessarie ed indispensabili sinergie, auspicate da Giovanni Leonardi, e con una sorta di “fiato sul collo”, di chi quotidianamente gestisce il denaro pubblico, aggiungiamo noi.

 

Alberto Guarino

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.