Stai in contatto

NapoliCapitale

Dieci frasi che attestano che Maradona è napoletano da sempre

Pubblicato

il

Il 5 Luglio non è una data casuale. Diego Armando Maradona proprio quel giorno, nel lontano 1984, venne presentato al San Paolo di Napoli.

Mercoledì 5 Luglio 2017 a distanza di 33 anni, El Pibe de oro diventerà ufficialmente un cittadino napoletano DOC.
Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris in accordo con il Comune di Napoli, ha deciso di concedere al fuoriclasse argentino, che con ben 115 gol ha portato il Napoli a vincere 5 trofei, la possibilità di diventare napoletano a tutti gli effetti.

Mercoledì sera alle ore 21,00 in Piazza Plebiscito Diego otterrà la cittadinanza onoraria. Il riconoscimento avverrà dinanzi a 32.000 tifosi azzurri – la Prefettura ha deciso, assurdamente, per questo numero chiuso, ma tant’è – portatori di un legame di sangue e di un amore viscerale nei confronti del 56enne di Lanus che riesce a farli gioire ancora come il primo giorno a distanza di 33 anni.

Descrivere un artista del pallone come Maradona potrebbe risultare semplice per chi lo ha vissuto personalmente, ma non per chi non ha potuto godere delle sue magnifiche gesta – avendo meno di 30 anni – e che quindi ha dovuto colmare quel vuoto, con annessa dose di malinconia, con i milioni di filmati che invadono il web e che esaltano la figura più grande della storia del calcio.

Chi non ha avuto la fortuna di ammirarlo potrebbe addirittura chiedersi: “Ma perché riceverà la cittadinanza?”.
Noi di identità insorgenti vogliamo dare una mano a chi non ha avuto la possibilità di ammirarlo dal vivo, perché ricordarlo senza averlo vissuto non si può, ma forse potrebbero farlo le sue frasi, le sue leggendarie parole scolpite nell’eterna memoria dello sport.

Maradona Sang’ e Napule, potremmo azzardare.

Ecco quindi 10 frasi che raccontano il legame tra Maradona, Napoli e il Napoli: dietro ogni frase c’è una storia che lega el pibe de oro alla città. Frasi che genitori che lo hanno vissuto potranno ricordare e raccontare ai propri figli.

Le 10 frasi di Diego Armando Maradona

  1. “Voglio diventare l’idolo dei ragazzi poveri di Napoli, perché loro sono come ero io a Buenos “.
  2. “Ci ricevettero con uno striscione che mi aiutò a capire di colpo che la battaglia del Napoli non era solo calcistica: “Benvenuti in Italia” diceva. Era il Nord contro il Sud, i razzisti contro i poveri”.
  3. “C’era la sensazione che il Sud non potesse vincere contro il Nord. Andammo a giocare contro la Juve a Torino e gliene facemmo sei: sai che significa che una squadra del Sud gliene mette sei all’avvocato Agnelli?“.
  4. “Abbiamo vinto tutti insieme, non è che abbiamo vinto noi e la gente che sta qui. Ha vinto la città di Napoli”.
  5. “Chiedono ai Napoletani di essere Italiani per una sera dopo che per 364 giorni all’anno li chiamano terroni“.
  6. “Sono tornato per la città e per i tifosi”.
  7. “Tutti dicono: “Questo è stato il migliore del Barcellona, questo è stato il migliore del Real Madrid, questo è stato il migliore del Chelsea… Io sono orgoglioso di essere stato il migliore a Napoli”.
  8. “Grazie Jorit, Grazie Napoli, Noi siamo una tribù umana”.
  9. “Non voglio vedere bandiere rossonere a casa mia”.
  10. “Che significa Napoli per me? È la mia casa”.

Roberto Maiello

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.