Stai in contatto

NapoliCapitale

SPUTTANAPOLI (NUOVO) DI RIOTTA / Antologia di pregiudizi di regime: dall’inferiorità morale del Sud alla cupidigia borbonica

Pubblicato

il

riotta
Riotta ci riprova. Dopo essere stato contestato duramente a Napoli ed averla fatta passare per una città violenta e di bombaroli (ma quanto sono democratici questi piddini, eh?) , il caro Riotta si cimenta in un’analisi degli ultimi dati dello SVIMEZ sul sottosviluppo del Sud, a metà strada tra un pessimo film demenziale e la più scadente propaganda leghista, in un susseguirsi di sciocchezze, luoghi comuni e pregiudizi buttati lì, come delle verità assolute. Rispondiamo, dunque, a tutte le sue buffonate come è nostro costume, cioè coi FATTI.

Cominciamo dalle prime battute:

“I dati che ieri lo Svimez, storico centro studi sul Mezzogiorno, ha fornito, mi hanno lasciato senza fiato. Il lavoro nel Sud è ai livelli del 1977, quando io cercavo un’occupazione. Le nascite sono declinate al livello di metà Ottocento, gli anni di Garibaldi, dei Mille e dell’Unità d’Italia. Ci sono 700.000 disoccupati in più dai giorni della crisi 2008, tra le donne la disoccupazione è più alta che in Grecia e, per dirla semplicemente, il nostro Mezzogiorno se fosse indipendente sarebbe nei guai assai più di Atene.”

Prima, grande sciocchezza. Il nostro Mezzogiorno è ridotto così perchè, da 154 anni, si trova a fare da colonia interna al mercato tosco-padano. Nel 1860, come ha documentato, tra gli altri, Stephanie Collett, ricercatrice dell’Universitè Libre de Bruxelles (potete trovare l’articolo pubblicato dal Sole 24 ore qui http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-06-30/eurobond-fecero-unita-italia-190357.shtml?uuid=AbDwao0F&refresh_ce=1) Napoli ed il suo regno erano la Germania dell’Europa di allora. Un Sud indipendente era ai vertici europei mentre il piccolo e povero Regno di Sardegna, se non fosse stato finanziato dalla massoneria europea per assaltare il Regno delle due Sicilie, sarebbe fallito di lì a poco. La Collett, tuttavia, non è la sola a sostenere che i mali del Sud sono prodotti dalla sua condizione di colonia. Lo diceva Salvemini, lo documentò Nitti (feroce antiborbonico), se ne lamentò Settembrini (eroe risorgimentale e “patriota”), lo denunciava Gramsci e, in epoca moderna, lo hanno dimostrato Manna, Zitara, Savona e Luttwak, di cui riportiamo uno stralcio del suo libro-intervista “Dove va l’Italia?”.
Perelli: In caso di decentramento, o al peggio di separazione, che ne sarebbe del Sud? Verrebbe sempre piú abbandonato o, potendo produrre a piú bassi costi, rifiorirebbe?
Luttwak: È evidente che il sistema Italia, negli ultimi 50 anni, ha favorito il Nord molto piú del Sud. Regalando un mercato protetto, quello appunto meridionale, dove si possono vendere macchinette scassate a alto prezzo. È vero che lo Stato ha anche assicurato massicci trasferimenti di soldi dal Nord al Sud, ma quando l’oro estratto al Nord viene filtrato attraverso una rete politica di clientele ciò che arriva a destinazione è soltanto acido corrosivo, peggio fango: perché anziché favorire lo sviluppo provoca un ulteriore deperimento. Un meccanismo malefico che ha scoraggiato gli imprenditori meridionali dall’assumere rischi, e li ha trasformati in clientes, collettori di quei fondi settentrionali che in cambio di consenso politico Roma smistava al Sud. Quindi è logico pensare che se il Sud venisse lasciato a sé stesso, e per sopravvivere fosse quindi obbligato a sfruttare le proprie risorse, le cose per i meridionali andrebbero molto meglio. Sono convinto che un Sud indipendente, abbandonato dalla Padania, riuscirebbe a camminare bene con le sue gambe. Progredirebbe anzi molto piú del Nord.”

Andiamo avanti. Riotta prosegue con altre sciocchezze tipo questa:
“Poche aziende di eccellenza non bastano a risollevare un quadro fosco“.

Le imprese si creano, si distruggono, si delocalizzano, caro Riotta. Non sono una risorsa del territorio ma una “creazione” dell’uomo. Chiediti come ha fatto una delle aree più depresse e povere d’Europa (ricordiamo la lotta alla pellagra, durata decenni da parte del neonato Regno d’Italia ed i famosi “cretini di Sondrio”, studiati in tutto il mondo all’epoca) a diventare TRIANGOLO INDUSTRIALE dopo il 1861. E se c’è un qualche legame tra lo sviluppo di queste aree e la distruzione delle industrie napolitane ante 1860 quali Mongiana, i cantieri di Castellammare, le cartiere della valle del Liri, Pietrarsa etc. E se magari c’entra pure l’assalto al banco di Napoli (prima banca del mondo) e la sua lenta agonia fino ad arrivare alla fusione recente col gruppo Sanpaolo. Perché la colonizzazione continua tutt’ora e basti pensare alle recenti delocalizzazini di aziende come Sangalli Vetro, per raccontare un caso eclatante, e non solo. Ciò nonostante c’è un Sud resistente di cui Svimez non parla: ricordiamo a Riotta che il Sud esporta nel 91 per cento dei Paesi del mondo. Addirittura nel 2014 è aumentata di oltre il 40 per cento l’esportazione dell’agroalimentare del mezzogiorno,  inclusi quei prodotti colpiti dalle “vostre” campagne diffamatorie, a cominciare da quelle contro la mozzarella di bufala, il caffè e la pizza napoletani. Senza contare l’olio d’oliva pugliese.

“Meno turisti che le Baleari, in Sicilia spesso meno che in un centro della Riviera Romagnola.”

Le politiche economiche e di sviluppo, caro Liotta, sono competenza del GOVERNO CENTRALE. A dispetto di ciò, ci sono aree del cosiddetto Sud che, nonostante si investa ZERO sui trasporti e le infrastrutture, registrano una ripresa costante, come Puglia e Campania, superando, in alcuni casi, anche mete “storiche”.

“La classe politica dirigente divisa, litigiosa, mediocre.”

Su questo siamo d’accordo ma la classe politica di cui parli è quella a cui, oscenamente, hai dato voce a Napoli, senza alcun contraddittorio con le realtà che il territorio lo VIVONO e senza neanche invitare il sindaco della città che avevi la presunzione di raccontare attraverso la narrazione tossica di quella stessa classe dirigente.

“ I migliori giovani con la valigia appena possono verso il Nord, l’Europa, gli Usa, l’Australia. Nessuno parla di questa emergenza, in tv è difficile importa, l’ex premier Romano Prodi dice “nessuno in Italia si commuove più per il Sud”, come se ci fossimo tutti rassegnati, al Nord con scetticismo, al Sud con rabbia.”

L’emigrazione è un altro bel regalo della TUA italietta, caro Riotta. Prima del 1861, infatti, nessuno emigrava dal “povero ed arretrato sud”. Da allora, viviamo un’emorragia che ha prodotto, in cento anni, tra emigrati e discendenti, una diaspora da CENTO MILIONI DI PERSONE.

“E tutto questo al netto della malavita organizzata che non cede di un pollice.”

Altro regalo della TUA italietta. Senza ricordare gli accordi tra Garibaldi, Salvatore de Crescenzo e Liborio Romano, la malavita organizzata è strumento dello Stato italiano, ne è il braccio armato nei nostri territori. E cito il tuo corregionale, Leonardo Sciascia:”se lo Stato italiano volesse davvero sconfiggere la Mafia, dovrebbe suicidarsi”. Detto questo Mafia Capitale, le ruberie del Mose e dell’Expo, ci risulta si siano svolte da Roma in su….

“Di chi è la colpa? Spesso si ricordano le cause lontane, lo sfruttamento e la cupidigia dei Borboni, un Regno d’Italia che con i Savoia ha perpetuato la pratica neocoloniale,”

La cupidigia dei BorbonE (con la E, i cognomi non si declinano) fa piuttosto ridere. Tutto quanto di buono è stato fatto da queste parti, risale ai quasi otto secoli di indipendenza precedenti “il fatal ’60”. I BorbonE, quelli che con San Leucio avviarono il primo esperimento di socialismo applicato AL MONDO. Quelli che crearono cultura, industria, sviluppo. E che furono cacciati via, vigliaccamente e senza dichiarazione di guerra, da una dinastia di ladri, pedofili, assassini. Sì, sì…la cupidigia dei BorbonE… luoghi comuni su luoghi comuni. Solita storiografia di regime.

“mancanza di risorse, l’emigrazione, arretratezza culturale, il logoro “familismo amorale” di Banfield (quando manca lo Stato, o è ostile, è naturale, al contrario di quel che credeva Banfield stringersi alla comunità più prossima, la famiglia: Grossman spiega che lo stesso accadeva nell’Urss di Stalin). “

Risorse sfruttate dal colonizzatore sarebbe più onesto. Come il petrolio della Basilicata, una regione che dovrebbe essere la prima per PIL ed invece è agli ultimi posti in Europa. Per quanto riguarda il familismo amorale, ti riferisci a quello della famiglia Bossi? O quello di Mafia Capitale? Beh, certo…le origini siciliane della signora Bossi potrebbero aver mutato irrimediabilmente il prezioso e nordico patrimonio genetico del Trota… Sull’aspetto culturale, non rispondiamo neanche. Talmente ridicola l’affermazione che non merita repliche. A meno che, in rappresentanza del modello culturale meridionale non si prendano in esame i giornalisti del Sud, piegati al sistema in grossa parte, ben peggio dei loro “fratelli d’italia”.

“Spesso si cita, a ragione, il freno velenoso imposto dalle mafie. Eppure, dopo 70 anni di riforme agrarie, investimenti a pioggia da Roma e Bruxelles, welfare, assunzioni pubbliche, spesa ingente per infrastrutture che -come dimostra l’artista Andrea Maso nel suo studio su “Incompiuto siciliano” non vengono ultimate-, queste spiegazioni, scuse direbbe qualcuno, non bastano più. “

Che in Italia, non solo al Sud, esista un welfare fa piuttosto ridere. Probabilmente, caro Riotta, non sei mai uscito dal tuo “bel paese”. Sulle assunzioni pubbliche, oltre a non rappresentare una soluzione occupazionale in NESSUN paese al mondo, dati alla mano, sono molto di più al nord che al sud. I dati EURISPES, infatti, ci dicono che al Nord c’è il 34,8% degli impiegati pubblici, al Centro il 31,9% e al Sud e il 33%. Infine, un solo dato su tutti. Quello dei fondi destinati alle Ferrovie: al Sud andrà appena l’1,2% della spesa NAZIONALE. Delrio, interrogato sulla questione, ha dichiarato che al Sud è difficile mettere mano perchè ci sono le pietre. Onestà intellettuale, questa sconosciuta.
Gli eurobond che fecero l’Unità d’Italia quando il Regno di Napoli era come la Germania. Stéphanie Collet, storica della finanza della Université Libre de Bruxelles, è andata a spulciare negli archivi per studiare l’unico precedente assimilabile agli Eurobond: l’unificazione del debito sovrano dei sette stati che 150 anni orsono, su iniziativa del Piemonte e sotto tutela di Francia.
“C’è nel Mezzogiorno una rassegnazione a non entrare nei ritmi, spesso brutali, del mondo contemporaneo, che i nostri antenati, capaci di integrarsi con successo ovunque nel pianeta, non avrebbero condiviso e avrebbero criticato.”
Se nel 2015 i giovani del Sud, con un tasso di disoccupazione del 52%, devono ancora farsi “briganti o emigranti”, la colpa non è certo la loro. Ed è VERGOGNOSO questo ribaltamento continuo delle cause e degli effetti a cui voi SERVI del sistema mediatico di regime ci avete abituati. Del resto, non sareste i KAPO che siete se aveste il coraggio di dire le cose come sono veramente.  Lo sproloquio sulla classe intellettuale (di cui fai degnamente parte) ed il tentativo di difesa della “Casta” (che ti paga lo stipendio) è la degna conclusione di quest’analisi del nulla.
“Se il Sud vuole uscire dalla nuova povertà in cui ricade deve attrarre investimenti, tecnologie, servizi, lavoro digitale, la ricchezza del nostro tempo. Hong Kong, Singapore, la Corea del Sud, Bangalore in India, il triangolo industriale del sud degli Usa a Raleigh, erano in partenza altrettanto, se non più poveri del nostro Sud. Ma sono cresciuti non abbarbicandosi al passato con nostalgia e paure, ma abbracciando il futuro e il presente come i nostri antenati seppero fare. Il Sud che ho visto non è il Sud in cui sono cresciuto, e solo una riforma morale ed economica immediata può cambiarlo.”
Il Sud, se vuole riprendersi, deve uscire dall’Italia. Sic et simpliciter. Ed il passato non c’entra un fico secco. Nessuno si rifugia nel nostalgismo e men che mai noi. Ma guardare avanti è difficile e vivere il presente, in molti casi, impossibile. Questa è l’Italia di Riotta, non la nostra. E la riforma morale, francamente, iniziate a farla voi a iniziare dall’onestà intellettuale di cui sopra e di cui siete privi. Anche perché le vostre pagliacciate, caro Riotta, nonostante l’indiscussa comicità, non ci fanno più ridere.
Drusiana Vetrano
Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.